Firmato l’accordo sui licenziamenti in Hypo Bank

1 - Fabi 2 - First Cisl 3 - Fisac Cgil

Ieri, dopo una lunga trattativa tra la delegazione aziendale e le Organizzazioni Sindacali di HYPO Alpe-Adria-Bank S.p.A., presso gli uffici del Centro per l’Impiego di Udine, è stato raggiunto l’accordo nell’ambito della procedura di licenziamento collettivo.

Il numero di 42 esuberi comunicato dall’azienda al momento dell’avvio della procedura di licenziamento è stato ridotto a 36. Le Organizzazioni Sindacali hanno ottenuto un’ulteriore potenziale riduzione degli esuberi, in relazione ad una volontà dei lavoratori a richiedere la trasformazione del proprio contratto di lavoro in tempo parziale. L’azienda si è impegnata a valutare l’accoglimento delle richieste di part-time, fino ad un numero massimo di 5 posizioni.

I lavoratori perderanno il posto di lavoro a decorrere del 30 giugno 2018.

L’accordo prevede:

  • l’accesso ai prepensionamenti per i lavoratori che matureranno i requisiti pensionistici entro i 5 anni;
  • più opportunità di accompagnamento per i lavoratori che saranno licenziati, a seconda delle singole esigenze;
  • la possibilità di utilizzo della sezione emergenziale del fondo bilaterale di settore, che garantisce un sostegno economico per un periodo di 24 mesi in caso di mancata occupazione;
  • un servizio di outplacement messo a disposizione dall’azienda che permetterà l’estensione del sostegno economico per ulteriori 12 mesi;
  • il mantenimento della previdenza integrativa fino al 31 dicembre 2018.

Dopo estenuante trattativa, le Organizzazioni Sindacali sono riuscite a garantire un adeguato livello di tutele ai lavoratori che subiranno il licenziamento, a partire da quanto previsto dal fondo bilaterale di settore.

Durante l’assembla dei lavoratori indetta per lunedì 14 maggio alle ore 11:30, le Organizzazioni Sindacali presenteranno nel dettaglio i contenuti dell’accordo sottoscritto.

Le Organizzazioni Sindacali Aziendali


ALLEGATI: