I Segretari Generali: le deduzioni fiscali non sono agevolazioni e non siamo disposti a pagarli con il rinnovo del CCNL

 1 - Fabi 2 - First Cisl 3 - Fisac Cgil 6 - Uilca Unisin nuovo logo

A proposito del DEF, nessuno pensi di scaricare il costo dello spread sul Paese e il taglio eventuale della deducibilità degli interessi passivi per le banche, sui lavoratori/lavoratrici del credito che in questi anni di crisi hanno già pagato pesanti sacrifici in termini di riduzioni dell’occupazione e di peggioramento delle condizioni di lavoro.

Il Governo sa’ che la norma di cui si parla è oggi omogenea a quanto previsto nel resto d’Europa e in particolare in Germania e Francia e non si capisce il perché si dovrebbe realizzare uno svantaggio competitivo per il sistema del credito che rischia di scaricare il costo di maggiori tasse sugli anelli più deboli della catena e cioè i lavoratori e i risparmiatori.

Negli anni della crisi abbiamo fatto un contratto al tempo dello spread oltre i 500 punti base a gennaio del 2012 non più ripetibile, per questo le Segreterie Unitarie inizieranno nella giornata del 19 ottobre un lavoro comune per giungere entro l’anno, previa consultazione dei lavoratori, alla presentazione della piattaforma per il rinnovo del CCNL con l’obiettivo di aumentare i salari reali difendere l’occupazione e rafforzare l’area contrattuale.

Roma, 4 ottobre 2018

I SEGRETARI GENERALI


GIOVEDÌ 04 OTTOBRE 2018 13.57.17
CGIL

Manovra: Sindacati, taglio Dta non si scarichi su lavoratori

Manovra: Sindacati, taglio Dta non si scarichi su lavoratori (ANSA) – MILANO, 4 OTT – “Nessuno pensi di scaricare il costo dello spread sul Paese e il taglio eventuale della deducibilita’ degli interessi passivi per le banche, sui lavoratori-lavoratrici del credito che in questi anni di crisi hanno gia’ pagato pesanti sacrifici in termini di riduzioni dell’occupazione e di peggioramento delle condizioni di lavoro”. Lo sottolineano, in una nota congiunta, Fabi, First-Cisl, Cgil-Fisac, Uilca e Unisin in relazione ad un possibile taglio della deducibilita’ delle Dta (imposte differite attive) delle banche ventilato dal vice premier Luigi Di Maio nell’ambito della manovra. “Il Governo sa che la norma di cui si parla e’ oggi omogenea a quanto previsto nel resto d’Europa e, in particolare in Germania e Francia, e non si capisce – sottolineano i sindacati – il perche’ si dovrebbe realizzare uno svantaggio competitivo per il sistema del credito che rischia di scaricare il costo di maggiori tasse sugli anelli piu’ deboli della catena e cioe’ i lavoratori e i risparmiatori”. “Negli anni della crisi abbiamo fatto un contratto al tempo dello spread oltre i 500 punti base a gennaio del 2012 non piu’ ripetibile, per questo le segreterie Unitarie inizieranno nella giornata del 19 ottobre un lavoro comune per giungere entro l’anno, previa consultazione dei lavoratori, alla presentazione della piattaforma per il rinnovo del Ccnl con l’obiettivo di aumentare i salari reali difendere l’occupazione e rafforzare l’area contrattuale”, concludono Fabi, First-Cisl, Cgil-Fisac, Uilca e Unisin.(ANSA). PEG 04-OTT-18 13:56 NNNN