Toscana – Mps: Giani scrive a Gualtieri, ‘Tesoro mantenga quote Banca’

(ANSA) – FIRENZE, 11 NOV – Il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani ha scritto una lettera al ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, chiedendo un colloquio sulle prospettive di Banca Mps, ed esprimendo preoccupazione riguardo alla prossima dismissione delle quote detenute dal Tesoro. “Lo Stato a mio giudizio deve continuare a tenere le quote della banca, e quindi consentire di  continuare ancora il lavoro che sta facendo chi la sta dirigendo”, ha affermato Giani, nel corso di una conferenza stampa sul tema. Secondo il governatore toscano, la prospettata riprivatizzazione del Monte avrebbe “un forte impatto negativo sulla vita economica e sociale della Toscana in un momento così difficile.

Per quanto è a nostra conoscenza si parla di una potenziale fusione con un altro istituto di credito: l’operazione potrebbe avvenire entro l’approvazione del bilancio 2021, quindi nei primi mesi del 2022. Un cambiamento così importante degli assetti della banca impatterà sulla nostra regione in maniera significativa, sia sotto il profilo occupazionale per i prevedibili tagli che qualsiasi ipotesi di aggregazione porterebbe con sé, sia sotto il profilo dell’accesso al credito per il sistema produttivo toscano”. (ANSA).


Mps: Giani, superare contenzioso tra Fondazione e Banca 11 Novembre , 14:24

(ANSA) – FIRENZE, 11 NOV – Serve “un percorso concertato”, partendo dal dialogo col ministro dell’Economia, che “possa portare il presidente della Regione a svolgere anche una funzione di incontro, di dialogo, per superare questo contenzioso nel rapporto fra Fondazione e Banca Mps”. Lo ha
affermato in una conferenza stampa Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana, rispondento a chi gli chiedeva se avesse intenzione di chiedere alla Fondazione di rivedere il proposito di chiedere alla Banca un risarcimento di 3,8 miliardi di euro. “Come ho fatto a grandi linee con le forze sindacali – ha spiegato – vorrei anche con le istituzioni locali avere un dialogo su questo, e concordare delle valutazioni possibilmente comuni in modo da rapportare anche al ministro una volontà della Toscana e
degli enti locali”. A chi gli chiedeva se fosse favorevole a una ipotesi di conversione almeno parziale del ‘petitum’ in azioni di Banca Mps, Giani ha risposto dicendo che “è un disegno affascinante”, e “è una prospettiva che potrebbe essere interessante”, ma che “non sono in grado al momento, prima delle interlocuzioni che voglio avere a Roma, di potermi impegnare su
questo”. (ANSA).