Crédit Agricole D.R. Romagna: focus su interventi organizzativi

DIREZIONE REGIONALE ROMAGNA – RSA

RIORGANIZZAZIONE
FOCUS INTERVENTI IN DR ROMAGNA

Lo scorso 23 dicembre l’azienda ha presentato una serie di interventi organizzativi che riguardano sia la Rete Filiali che altre strutture del Gruppo. Di seguito un breve riepilogo con il focus degli interventi che riguardano direttamente la DR Romagna.

FILIALI – PROGETTO ASSICURAZIONE DANNI: L’intervento interessa complessivamente 52 filiali del gruppo e consiste nella creazione di un corner denominato “Punto Consulenza Assicurativa Danni” presidiato da un Gestore Family che riceverà specifica formazione in proposito e, operando in stretto collegamento con lo Specialista Banca-Assicurazioni, potrà essere di supporto conoscitivo agli altri colleghi su questo argomento specifico.

Le 52 Filiali oggetto dell’intervento sono così distinte nelle varie DR: 5 in DR Piemonte, 6 in DR Parma, 6 in Dr Toscana, 4 in DR Romagna, 6 in DR Piacenza-Lombardia Sud, 7 in DR centro-Sud, 7 in Dr Liguria, 3 in Dr Lombardia, 3 in DR Veneto, 5 in DR Friuli-Venezia Giulia.

In DR Romagna le filiali interessate saranno: Sede di Cesena, Sede di Lugo, Sede di Riccione, Budrio di Longiano.

FILIALI – CHIUSURA SERVIZIO DI CASSA POMERIDIANO: Quanto avvenuto nel 2020 ha certamente comportato modifiche nel modello di servizio, una di queste la rarefazione del servizio di cassa. In questa direzione si muove l’azienda avendo deciso che dalle attuali 511 filiali che operano con servizio di cassa esclusivamente al mattino si passerà a 729 filiali (+ 218 filiali) entro il primo trimestre 2021. Di seguito le filiali interessate in DR Romagna:

SERVIZIO CLIENTI: L’intervento prevede uno sviluppo delle attività del Servizio Clienti con l’inserimento di 45 nuove risorse che in precedenza operavano nella Rete Filiali così suddivise fra i vari poli: 13 in DR Centro sud Roma, 10 in DR Centro Sud Napoli, 16 in DR Toscana SMiniato, 6 in DR Romagna Cesena.

Per tutti i colleghi interessati si tratta di un cambiamento professionale in merito al quale l’azienda si è impegnata a prevedere un percorso formativo. Per alcuni colleghi si verifica anche mobilità territoriale come da tabella.