Rsa Bologna: incontro con il Gestore delle Risorse Umane


Incontro con il Gestore Risorse Umane della Dtr

In data 08/10 le scriventi RSA hanno incontrato il dir. Riccardo Badino per affrontare le tematiche più sensibili che riguardano le filiali del territorio di Bologna e provincia. I temi discussi sono stati i seguenti.

ORGANICI / CARICHI DI LAVORO
Siamo partiti da un dato certo ovvero che, l’ultima tornata di esodi di aprile 2019, ha impattato in maniera negativa sull’organico complessivo delle 15 filiali presenti su Bologna (7 in città e 8 in provincia), con un’uscita del 15% della forza lavoro complessiva della piazza. Se tutto andrà come da Piano di Ristrutturazione, fino a fine 2022, questi colleghi non verranno né sostituiti e nemmeno affiancati da nuove assunzioni.
A tal proposito è stato ribadito che lo stato di emergenza che già si viveva in alcune filiali, ha comportato inevitabili componenti di disservizio, una maggior tensione che probabilmente è sfociata in stress da lavoro correlato determinando l’aggravarsi dello stato di salute dei colleghi.
Il nostro timore è che, al disservizio, si accompagnino poi errori operativi che comportino danni patrimoniali ai clienti o all’Azienda, per i quali i colleghi vengano chiamati di persona a rispondere ai già crescenti richiami alla normativa o, peggio ancora, sottoposti al sistema sanzionatorio.

Tuttavia, entrando nello specifico, è emerso che le filiali di Bologna non registrano una carenza di organico rispetto al modello organizzativo e questo fattore riesce a supportare una percentuale di part-time superiore alla media anche rispetto al recente passato (21,6%). Questo dato però non può bastare, a nostro avviso, a giustificare il malessere che in alcune filiali è determinato da un aumento improvviso dei carichi di lavoro e da processi aziendali lenti e ripetitivi (come ad esempio le istruttorie per i mutui).

A proposito di emergenze quotidiane, è stato evidenziato il problema cronico della gestione e sistemazione dei Kyc arretrati o, come accade in alcune realtà, della identificazione per l’antiriciclaggio dei clienti migrati in WIDIBA.

La mole di lavoro derivante dalla gestione della relazione con la clientela attraverso telefonate, appuntamenti, mail, sistemazioni pardo e to do list da evadere quotidianamente, diventa insostenibile se i colleghi, inclusi quelli del front office, vengono invitati dai responsabili della filiera commerciale a partecipare ai lync anche durante i picchi di affluenza allo sportello.
A tal fine stiamo monitorando gli eventi per verificare gli orari e le durate di convocazione, in un’ottica di rispetto dei tempi di lavoro e di efficientamento dell’organizzazione del lavoro. Abbiamo comunque richiesto alla dir. Badino di poter sensibilizzare i responsabili di filiera affinché possano prestare massima attenzione a tali processi, senza pressare i colleghi che per gestire la clientela, non sono in condizione di partecipare ai lync.

BOLOGNA 800 – VIA RIZZOLI
Tra le filiali con evidenti criticità, abbiamo rappresentato al dir. Badino il crescente disagio che si è progressivamente accumulato negli ultimi mesi nella filiale di Bologna Sede in via Rizzoli, ovvero una delle 7 filiali Paschivalore Top dell’Area Nord Est.
Un disagio che ha coinvolto più linee operative della filiale, sicuramente non generato solamente dalle ultime uscite per esodo, ma acuito dalle assenze non adeguatamente sostituite, di entrambe le Ods che sono state sostituite, molto spesso, all’ultimo minuto e in maniera non adeguata al carico di lavoro ed alle specificità richieste dalla filiale di Bologna sede.
Rispetto a tali assenze, riteniamo che ci possano essere i presupposti perché le stesse, possano essere oggettivamente riconducibili alle forti criticità che registriamo nella filiale.
A tal proposito, riteniamo di dover procedere nel più breve tempo possibile con una richiesta di chiarimenti diretta alla nostra Direzione Territoriale Retail e all’Ufficio del Personale dell’Area, evidenziando tutto ciò che abbiamo riscontrato in termini di rischi operativi connessi al lavoro quotidiano per valutare quali azioni intraprendere dal punto di vista sindacale e aziendale.

SAFETY & SECURITY/SALUTE E SICUREZZA
A seguito dell’uscita per esodo del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza dello scorso aprile, abbiamo la necessità di procedere quanto prima alla elezione di un nuovo RLS. Per tale motivo abbiamo sollecitato l’Azienda ad attivare tutte le procedure necessarie in tal senso.
A proposito di safety negli ultimi mesi abbiamo registrato numerose segnalazioni dalle filiali per ritardi consistenti nell’evasione degli interventi tecnici richiesti in Archibus. Abbiamo confermato al dir. Badino che è nostra intenzione monitorare le richieste di intervento commissionate alla H2H, società di facility management che ha l’appalto per l’Emilia Romagna, per verificare soprattutto quelle con priorità 1 e 2 ovvero “con grave rischio per le persone”.

VALUTAZIONE DEL PERSONALE
Si stanno concludendo in questi giorni le consegne delle ultime schede di valutazione che, visto il ritardo, vengono accompagnate dal previsto colloquio di metà anno riguardante la discussione relativa al Piano d’Azione assegnato al dipendente per l’anno in corso.
Abbiamo chiesto al dir. Badino se, a seguito del ritardo della consegna, in alcuni casi determinato da cambi di ruolo e/o di filiale, sia già stato fissato il termine per avanzare il ricorso avverso il giudizio ricevuto. Ad oggi questo termine ancora non si conosce mentre ricorsi ancora non ne sono stati presentati.
A prescindere dai ricorsi che ci saranno, tenuto conto che il primo canale di confronto per il collega rimane il titolare della filiale dove è stata consegnata la scheda, il dir. Badino si è comunque dichiarato disponibile a raccogliere eventuali ulteriori segnalazioni in merito.
Rileviamo comunque insoddisfazione di fronte a questo nuovo sistema di valutazione gaussiano che la nostra Azienda ha messo in piedi circa 7 anni per contrastare l’appiattimento del sistema precedente, generando malcontento e indeterminatezza perché basato su una sorta di autoanalisi rispetto alla qualità delle proprie prestazioni personali.

FORMAZIONE IVASS
Abbiamo infine chiesto all’Azienda un aggiornamento sul calendario dei corsi e sulle figure professionali coinvolte.

Bologna, 9 ottobre 2019

RSA BANCA MPS BOLOGNA
FABI- FIBA – FISAC -UILCA – UNISIN