Crédit Agricole: passaggio ai buoni pasto elettronici

GUIDA   AI  BUONI   PASTO

TRASFORMAZIONE IN ELETTRONICI & TANTO ALTRO

Grazie agli effetti dell’accordo del 18 dicembre 2020, siglato fra OO.SS. e Azienda, dal 1° aprile 2021 i buoni pasto diventano elettronici e contestualmente l’importo aumenterà di valore:

  • da 5,27 € a 6 € per i dipendenti a tempo pieno
  • da 3,50 € a 4 € Per i colleghi Part Time

Da marzo è stata avviata la distribuzione delle card su cui verranno accreditati i buoni pasto elettronici

L’accordo prevede Inoltre la facoltà di convertire i buoni in versamento al Fondo Pensione.

Di seguito riepiloghiamo in breve gli aspetti economici e normativi rimandando alle circolari aziendali ed agli accordi per ogni ulteriore specifica.

INCREMENTO DI VALORE DEI BUONI PASTO:

Per i dipendenti a tempo pieno o in part time verticale o per i part time orizzontali nel caso di adibizione anche pomeridiana l’incremento del buono pasto sarà il seguente:

  • 6,00 euro dal 1° aprile 2021;
  • 6,50 euro dal 1° giugno 2022;
  • 7,00 euro dal 1° gennaio 2023;

Per i dipendenti in part time orizzontale nelle giornate senza rientro pomeridiano l’incremento del buono pasto sarà il seguente:

  • 4,00 euro dal 1° aprile 2021;
  • 4,32 euro dal 1° giugno 2022;
  • 4,65 euro dal 1° gennaio 2023;

PART TIME ORIZZONTALE E GIORNATE CON RIENTRO OCCASIONALE: Va ricordato che per lavoratrici e lavoratori in part time orizzontale che effettuano dei rientri occasionali occorre caricare in HR sia la richiesta per le ore aggiuntive che la richiesta per erogazione del Buono Pasto ad importo intero in sostituzione del Buono Pasto ridotto procedendo come di seguito:

‐ entrare in HR Access, INSERISCI DATI ASSENZE E PRESENZE e selezionare la funzione BUONI PASTO PART TIME. Il sistema propone le giornate per le quali, in base all’orario di lavoro teorico ed alle reali timbrature, è possibile richiedere la sostituzione del Buono Pasto;

‐ cliccare sul pulsante di MODIFICA e selezionare nella colonna Ticket l’opzione “Richiesto” dal menù a tendina. (ATTENZIONE: effettuare la richiesta su tutte le giornate interessate e cliccare prima sul tasto CONVALIDA e successivamente sul tasto INVIA per completare il caricamento della stessa).

BENEFICIO FISCALE: da inizio 2020 la deducibilità dei buoni pasto cartacei era stata ridotta a 4€ e pertanto le nostre buste paga sono state appesantite dall’effetto della tassazione sulla quota eccedente. Con il passaggio al buono pasto elettronico la normativa fiscale fissa l’importo deducibile sino alla soglia degli 8 € e pertanto cesseranno gli effetti di tassazione in busta paga.

SOCIETÀ EROGATRICI DEI BUONI: Resteranno invariate le società erogatrici del Buono Pasto che per il Gruppo Crédit Agricole sono distinte sulla base della Sede di lavoro come di seguito indicato:

SEDE DI LAVORO SOCIETA’ SOCIETA’ EMITTENTE
CAMPANIA – LAZIO – LIGURIA ‐ LOMBARDIA ‐ MILANO VIA TESTI – MARCHE ‐ UMBRIA Pellegrini
EMILIA ROMAGNA Day
FRIULI VENEZIA GIULIA ‐ LOMBARDIA EST (BS‐MN‐LO‐ PV) – PIEMONTE – TOSCANA ‐ VENETO Sodexo
LOMBARDIA OVEST (BG‐VA‐CO‐LC‐MB‐MI‐CR) Cir Food

CAMBIAMENTO SEDE DI LAVORO: in caso di trasferimento che comporti cambiamento della Sede di lavoro che prevede l’erogazione del servizio da parte di una diversa società emittente l’azienda provvederà ad inviare una nuova carta.

SITI INTERNET DELLE SOCIETÀ EMITTENTI: I siti delle società emittenti sono accessibili anche dal portale aziendale. Dal sito, o anche dalla APP se disponibile, sarà possibile: consultare gli elenchi degli esercizi convenzionati, verificare il saldo della carta, la scadenza del credito spettante, il blocco per smarrimento/furto della card.

ATTIVAZIONE DELLE CARTE: unitamente alle Tessere verranno distribuite, presso la sede di lavoro del dipendente, le istruzioni operative per l’attivazione da effettuare entro la fine del mese di marzo 2021. Di seguito riepiloghiamo come attivare le carte:

Pellegrini Sodexo Cir Food: L’attivazione sarà da effettuare autonomamente, prima di presentare la tessera agli esercenti, con accesso al sito ovvero all’ App della Società emittente se presente.

Day: l’attivazione avverrà in sede di primo utilizzo della carta direttamente presso l’esercente. Inserendo la carta nel POS il display mostra “Buoni Residui: ZERO” ed in quel momento, in seguito alla scritta “Verificare Ricariche” digitando sul POS il tasto verde viene istantaneamente effettuata l’abilitazione che ne consentirà l’utilizzo immediato.

UTILIZZO DELLA CARTA: successivamente all’attivazione la carta è pronta all’uso e non è necessario inserire alcun PIN al momento del pagamento.

TASK FORCE DI SUPPORTO: qualora fosse necessaria assistenza tecnica per la ricezione della carta, per segnalare una mancata consegna, ovvero per la sua attivazione, potrai contattare la Task Force dedicata all’indirizzo:

buonipastoelettronici2021@credit-agricole.it

SMART WORKING O LUNGHE ASSENZE: Se state lavorando in Smart Working o siete assenti, potrete ritirare la tua tessera al rientro in ufficio.

RIFERIMENTI IN PROCEDURA HR: è possibile consultare le note operative disponibili nella sezione intranet dedicata Ticket Elettronici cliccando su “Risorse Umane > Informazioni per i dipendenti”

CARICAMENTO  DEI  BUONI  PASTO  NELLE  TESSERE  ELETTRONICHE:  Il numero  o  l’importo spettante del buono pasto elettronico verrà caricato mensilmente, nei primi giorni del mese, sulla tessera.

BUONI PASTO SPETTANTI: il numero di buoni pasto consegnati è riportato sulla busta paga elaborata successivamente alla consegna dei buoni stessi (esempio: i buoni pasto ricevuti ad inizio Marzo saranno indicati sulla busta paga di Marzo)

MODALITÀ DI CALCOLO DEI BUONI PASTO SPETTANTI: Come nel passato, la modalità di calcolo avviene sulla base dei giorni di presenza al lavoro nel mese precedente a quello di consegna (nelle giornate di Smart Working l’Azienda non prevede la corresponsione del buono pasto).

  • spetta un buono pasto per ogni giorno lavorativo del mese di riferimento;
  • dai giorni lavorativi devono essere sottratte le assenze del secondo mese precedente (esempio: sull’ordine di marzo vengono conguagliate le assenze di gennaio);
  • dai giorni lavorativi devono inoltre essere sottratti i giorni con rimborsi spese a piè di lista o diarie, riportati sulla busta paga del secondo mese precedente (prendendo come esempio l’ordine di marzo, dovrò sottrarre la quantità indicata sulla busta paga di gennaio alla voce IVV). Ai fini del calcolo dei giorni lavorativi, non devono essere conteggiati i giorni semifestivi (inclusa l’eventuale festività patronale).

NEO ASSUNTI: ai neo assunti verrà consegnata la carta in base alla Sede di lavoro a cui si è assegnati e la stessa verrà successivamente caricata tenendo presente che a partire dal secondo mese di lavoro viene applicato il metodo di calcolo generale sopra esposto.

MODALITÀ DI UTILIZZO DEL BUONO PASTO ELETTRONICO: Il buono pasto elettronico, come per quello cartaceo, è sostitutivo del servizio mensa e deve pertanto essere utilizzato con le seguenti modalità:

  • è personale e non cedibile, come anche la card sulla quale il buono pasto viene accreditato;
  • può essere utilizzato solo per l’intero valore giornaliero, non sono consentiti pertanto utilizzi parziali;
  • il DM 122/2017 dà la possibilità di cumulare fino a otto buoni fermo restando il calcolo dei buoni pasto dovuti in connessione alle giornate lavorative svolte e fermo restando accordi e limitazioni che le attività commerciali hanno in essere con le società emittenti;
  • non dà diritto a ricevere somme di denaro, beni o prestazioni diverse da quelle sopra descritte;
  • deve essere utilizzato esclusivamente presso gli esercizi convenzionati;
  • non può essere convertito in denaro e non è possibile ottenere un resto in contanti qualora il costo del pasto consumato sia inferiore a quello del buono (al contrario, se il costo del pasto fosse superiore al valore del buono, la differenza può essere erogata in denaro da parte del dipendente);
  • deve essere comunque utilizzato entro la scadenza stabilita, pena la perdita di valore del

Per ulteriori specifiche in merito alle regole di utilizzo del buono pasto si può fare riferimento alla normativa in vigore Art. 4 del D.Lgs. 122, 07/06/2017.

SCADENZA DEI BUONI PASTO: Per quanto riguarda la scadenza dei buoni ricordiamo che, anche in formato elettronico, il buono seguirà le stesse regole applicate ai buoni pasto cartacei.

FURTO O SMARRIMENTO E UTILIZZO FRAUDOLENTO: Ti ricordiamo che la tessera è personale e non cedibile e ti raccomandiamo la massima attenzione nella sua custodia, al fine di evitare utilizzi fraudolenti.

In caso di utilizzo fraudolento a seguito di furto o smarrimento, non sarà possibile recuperare l’importo eventualmente utilizzato da terzi prima del blocco della carta.

Per inibire tempestivamente l’utilizzo della carta si interviene con le funzionalità previste nella area riservata, raggiungibile connettendoti al sito internet del fornitore di riferimento, impedendo così l’utilizzo dei buoni.

Al blocco dell’utilizzo della carta il fornitore provvede a riprodurre una carta sostitutiva della precedente.

POSSIBILITÀ DI DESTINAZIONE AL FONDO PENSIONE: Il nostro accordo sindacale prevede, in alternativa all’attribuzione del ticket in forma elettronica, la possibilità di destinare il controvalore alla propria posizione presso il fondo pensione di Gruppo, a parità di oneri a carico dell’Azienda e mediante opzione esercitabile una sola volta nel corso dell’anno.

  • A PARITÀ DI ONERI A CARICO AZIENDA: La normativa fiscale prevede che le somme destinate al Fondo Pensione siano assoggettate ad un contributo di solidarietà del 10%. Esemplificativamente, per l’annualità 2021, l’esercizio dell’opzione comporterebbe un versamento al fondo nella misura di € 5,45 per coloro che beneficiano di buoni pasto del valore nominale di € 6,00 e pari a € 3,63 per il personale a tempo parziale assegnatari di buoni pasto del valore nominale di € 4,00.
    Guardando poi in avanti nel tempo le somme versate nel Fondo dovranno sostenere gli oneri collegati al disinvestimento che, in base alla normativa vigente, vanno da un massimo del 15% ad un minimo del 9%.
  • ESERCIZIO OPZIONE DI DESTINAZIONE AL FONDO PENSIONE: Per l’annualità 2021 la scelta è da effettuare entro il 31 marzo 2021 inviando una mail alla casella del Servizio Amministrazione del Personale (CU00714@cagroupsolutions.it).

Nella mail deve essere indicata la volontà di destinare il controvalore del buono pasto alla propria posizione previdenziale aperta presso il Fondo Pensione di Gruppo.

Il testo della mail in modo esemplificativo potrebbe essere il seguente;“OGGETTO: OPZIONE BUONO PASTO AL FONDO PENSIONE – TESTO: Buongiorno, la presente per comunicare che intendo esercitare l’opzione di destinare l’importo del buono pasto presso la mia posizione nel Fondo Pensione di Gruppo. Cognome – Nome – matricola n°”

L’esercizio dell’opzione ha validità sino al 31/12 dell’anno corrente.

Nel caso si voglia esercitare l’opzione anche per gli anni successivi occorrerà rinnovare la mail entro il 30 novembre di ogni anno

ATTENZIONE AL LIMITE DI DEDUCIBILITÀ: Va anche ricordato che l’importo accreditato nel Fondo Pensione a fronte del controvalore dei Buoni Pasto si somma ai contributi propri e ai contributi azienda nel riferimento del limite € 5.164,57 esentati dalla tassazione marginale Irpef.

 

Back to top button