Fisac Gruppo Cattolica: riorganizzazione area sinistri

Gruppo Cattolica

QUALE FUTURO PER I LAVORATORI DEI SINISTRI?

Venerdì scorso decine di colleghi dell’area sinistri hanno ricevuto una convocazione per lunedì prossimo 29 marzo – fuori orario di lavoro – dal preoccupante titolo: COMUNICAZIONI HR E DIREZIONE SINISTRI.

Le OO.SS. hanno immediatamente chiesto spiegazioni alle HR che hanno dichiarato di non essere a conoscenza della convocazione in questione ed hanno ipotizzato che il relativo oggetto fosse l’imminente trasferimento dei sinistri infortuni a WELION del Gruppo Generali.

La Direzione ha garantito che non si tratta di una riorganizzazione nascosta e di non volersi sottrarre al confronto ex artt. 15 e 16 CCNL.

L’articolo 16 del CCNL ha come presupposto il verificarsi di un’eccedenza di personale.

Ci domandiamo: la partnership con Generali mette forse in discussione i livelli occupazionali e le professionalità nel Gruppo Cattolica?

L’accordo di Tutele Occupazionali è stato sottoscritto lo scorso anno proprio per dare ai colleghi tranquillità sul futuro, come emerge chiaramente da alcuni passaggi salienti:

il 25 giugno 2020 Cattolica e Assicurazioni Generali hanno annunciato un accordo . Tale accordo darà ufficialmente avvio ad una partnership strategica riguardante 4 ambiti industriali (Asset management, Internet of Things, Salute e Riassicurazione) e costituisce un presupposto alla base della negoziazione del presente documento sulle tutele occupazionali;

da parte del Gruppo Cattolica è stato sottolineato che l’individuazione di un partner solido e affidabile come Generali dà sicurezza a tutta l’azienda e rappresenta una grande occasione di crescita professionale per i dipendenti;

Le Parti confermano altresì l’importanza dei momenti di informazione e confronto;

l’Azienda conferma la tenuta complessiva, sull’intero territorio nazionale, degli attuali livelli occupazionali di Cattolica Assicurazioni e di tutte le società del Gruppo.

E’ arrivato il momento che l’Azienda ed il maggiore azionista Generali dicano forte e chiaro se da questa collaborazione dobbiamo aspettarci esuberi di personale oppure se attraverso un preventivo confronto si vogliono accompagnare i processi di riorganizzazione aziendale, ricollocando e formando i lavoratori coinvolti con il riconoscimento e la valorizzazione del loro percorso professionale, e se è possibile procedere alla reinternalizzazione di alcune attività (per l’area sinistri ad esempio la liquidazione affidata a UP SERVICE).

Al dunque le domande su cui attendiamo risposta nel prossimo incontro sindacale convocato per lunedì prossimo con odg “Sinistri infortuni – Accordo Generali” sono:

L’accordo sulle tutele occupazionali è in vigore? Le garanzie sono reali? E valgono per tutti i colleghi del Gruppo?

Milano, Roma, Verona 25 marzo 2021

Fisac CGIL Gruppo Cattolica

Back to top button