Crédit Agricole: il Sistema Incentivante 2020 potrebbe avere una riduzione


 POCO A TANTI E TANTO A POCHI
(scontentando tutti)

Stavamo giusto chiedendoci quale altra sorpresa ci sarebbe stata nel 2021, e non abbiamo atteso a lungo.
Nonostante l’azienda raccomandi riservatezza in attesa di informazioni ufficiali sul Sistema Incentivante 2020 che alle OO.SS. verranno date nel corso dell’incontro del 25 maggio p.v., circolano le informazioni ufficiose dalle quali come FISAC ci vorremmo tenere a distanza.
Ci riteniamo liberi a questo punto di riconoscere pari dignità di informazione anche alle nostre iscritte e ai nostri iscritti.

Qual è la nuova sorpresa del 2021, quindi ?
Nuova per modi di dire, già vista in passato, ma quest’anno assume un peso ancora maggiore: per il Sistema Incentivante 2020 in pagamento a maggio, con grande soddisfazione per i responsabili dei vari canali, gli obiettivi sono -guarda caso- stati raggiunti e superati, consentendo il pagamento ad una più ampia platea.
Parrebbe conseguentemente, in base ad una logica assai strana, prevista una riduzione percentuale dei premi agli aventi diritto che pare (lo verificheremo nel prossimo incontro di Gruppo) corrisponderebbe ad un 10% per il Personale CA e ad un 7% per il Personale FriulAdria.

Solo pochi giorni fa abbiamo inviato il comunicato sulla proroga della scelta Welfare al 31 maggio, per il VAP (Premio Aziendale 2021) e, come richiesto da molti di voi, abbiamo riportato anche i valori del premio precedente. Anche qui, niente da aggiungere, la diminuzione percentuale è forte e ben percepita da tutte/i.

A gennaio, l’altra novità : l’assorbimento degli Assegni ad Personam che di fatto vanifica, per circa 1.500 dipendenti, gli aumenti economici del CCNL.

Tutte queste “novità”, l’azienda le considera “digeribili” e “sostenibili”: peccato che a farne le spese siano sempre e solo le lavoratrici e i lavoratori! Coloro che hanno rischiato di ammalarsi per il preteso, costante, contatto con Clienti anche durante la fase pandemica, per ottenere quei risultati che oggi premiano in particolare chi non ha rischiato contagio, chi ordina che i Clienti facciano quello che si richiede loro di fare, chi pretende risultati oggi e non domani, chi non ha avuto delicatezze e sensibilità nemmeno per chi non sapeva come gestire le emergenze familiari (figli a casa da scuola, familiari contagiati, ecc.…)

Quanto ancora dovremo dare ?
Il Personale lavora 10-12 ore non stop in smart working da 14 mesi senza autolimitarsi come se non ci fosse un domani, sentendosi spesso inadeguato rispetto ai risultati pretesi mentre invece l’azienda poi sventola brillanti bilanci.
Ma non è finita qui…si chiederanno ulteriori “contributi e sacrifici”. Il problema che a contribuire e a sacrificarsi siano sempre gli stessi.

Oggi che si è conclusa l’OPA sul Creval, le Organizzazioni Sindacali sanno che le attende un periodo di importanti negoziati, cosa andremo a dire anche a queste colleghe e colleghi ? Non vi preoccupate, siete in un Gruppo solido, solidissimo perché anche voi contribuirete e vi sacrificherete per questa certezza.

SEGRETERIA DELL’ ODC FISAC- CGIL
Gruppo Crédit Agricole Italia

Back to top button