Crédit Agricole D.R. Liguria: la banca lascia a casa due colleghi a tempo determinato

2 - First Cisl 3 - Fisac Cgil 6 - Uilca Unisin nuovo logo

VERGOGNOSO!

Nonostante le enormi difficoltà della DR legate ad un organico inadeguato la banca, incredibilmente ed in piena estate, lascia a casa due validi ragazzi a tempo determinato.

La notizia ha dell’incredibile e del surreale: la banca lascia a casa dei colleghi a tempo determinato in piena estate?! Possibile?! È uno scherzo, dai…
Purtroppo è così! Due giovani in servizio nella DR Liguria da un anno o anche più, col contratto in scadenza in questi giorni, sono stati congedati con un “grazie e arrivederci”.
Due validi colleghi che hanno svolto tutto o quasi il loro servizio “in compagnia” del Covid, apprendendo la propria mansione in condizioni complicatissime e con rischi con cui altri giovani neo-assunti in passato non hanno dovuto fare i conti. Nonostante ciò il loro contributo in questi mesi è stato prezioso e impeccabile: ne sono dimostrazione le testimonianze dei colleghi increduli che vi hanno lavorato assieme e le valutazioni dei loro Responsabili che ci risultano essere state assolutamente positive. Quindi… perché?!?

A quanto pare per loro si è rivelato fatale il colloquio con i vertici del Personale di Parma che in un quarto d’ora ha capito che non avevano le carte in regola per lavorare in questa azienda… no comment… A cosa servirebbe quindi il “continuous feedback” con cui il Personale, puntualmente con cadenza mensile, chiede ai Responsabili un giudizio dei propri collaboratori a tempo determinato se quello che risulta essere determinante è l’esito di un colloquio di 15 minuti con un manager della banca mai visto prima, davanti al quale un giovane, è normale, può presentarsi con tutte le proprie ansie ed emozioni?!? È questa peraltro la considerazione che l’azienda ha dei propri Responsabili?!

Sentiamo poi sempre parlare dei “valori del Crédit Agricole”… sinceramente ci saremmo aspettati maggiore sensibilità da parte aziendale, soprattutto in questo particolare momento storico.
E dire che fino a due anni fa, quando ancora ci chiamavamo Cassa di Risparmio della Spezia, in queste settimane venivano assunti i tempi determinati, non lasciati a casa. C’era ancora qualcuno con un minimo di contatto con la realtà che capiva che la Rete nella stagione estiva, in una regione turistica come la Liguria e col picco delle ferie dei lavoratori, aveva bisogno di essere potenziata, non depauperata! Oltretutto la recente operazione che ha portato CAI ad acquisire il Creval difficilmente ci porterà dei benefici, essendo quest’ultima completamente assente nei nostri territori.
Il mondo sembra essersi repentinamente rovesciato e l’impressione è che in questa banca ed in questa Direzione regionale manchi drammaticamente organizzazione, strategia e visione prospettica. I lavoratori sono spaesati e allo stremo delle forze e a tal proposito siamo seriamente preoccupati dal numero di colleghi che nelle ultimissime settimane sono stati colpiti da malore.

Abbiamo chiesto pertanto un immediato incontro con l’azienda per conoscere quali piani ha in serbo per la DR Liguria, come pensa di affrontare la stagione estiva con organici sempre più ridotti e soprattutto garanzie per gli altri 19 giovani a tempo determinato che operano nella nostra DR!

La Spezia, 1 luglio 2021

Le RRSSAA della Liguria e prov. Massa Carrara di Crédit Agricole Italia
FABI – FIRST/CISL – FISAC/CGIL – UILCA – UNISIN FALCRI/SILCEA

Back to top button