Generali: sottoscritto accordo ‘Next Normal’ su lavoro agile

LAVORO AGILE E TUTELE OCCUPAZIONALI
Sottoscritto Accordo strutturale sul lavoro agile e prorogato Accordo tutele occupazionali
tra GRUPPO GENERALI e OO.SS

Martedì 27 luglio u.s, nell’ambito di una trattativa che già ha visto il rinnovo del Cia di Gruppo Generali lo scorso 8 luglio u.s , il GRUPPO GENERALI e FIRST-CISL, FISAC-CGIL, FNA, SNFIA e UILCA hanno sottoscritto il primo accordo strutturale sul lavoro agile a seguito del protocollo di settore assicurativo sottoscritto il 24 febbraio u.s.. a questo si aggiunge anche l’importante proroga dell’accordo sulle tutele occupazionali e sedi di lavoro del Gruppo fino al marzo 2023.

Quello del lavoro agile si tratta di un accordo coerente con con le linee guida confederali e con lo spirito e le previsioni previsioni del protocollo di settore.

Il pacchetto negoziale complessivo che comprende il Cia , Accordo sul lavoro agile, Accordo sulle tutele occupazionali, sarà portato a settembre nelle assemblee delle lavoratrici e lavoratori per la discussione e approvazione.

L’Accordo sul lavoro agile è di alto profilo in grado di rappresentare uno strumento di modernità nell’organizzazione del lavoro, flessibilità operativa e conciliazione dei tempi di vita e di lavoro dei dipendenti del Gruppo Generali , nonché di dare la giusta importanza alla sostenibilità ambientale e al benessere collettivo. È un accordo che può costituire un riferimento per l’intero settore assicurativo e per altri settori merceologici.


Comunicato Unitario

2 - First Cisl 3 - Fisac Cgil 8 - Fna 6 - Uilca

Si sono concluse nella tarda serata di ieri, 27 luglio, le trattative per l’accordo sul Next Normal e il rinnovo delle Tutele Occupazionali.

Nell’ambito di una trattativa che comprende un pacchetto negoziale complessivo e che già ha visto la sottoscrizione del Cia di Gruppo Generali lo scorso 8 luglio, il Gruppo Generali e gli scriventi Coordinamenti sindacali hanno sottoscritto il primo accordo strutturale sul lavoro agile a seguito del protocollo di settore assicurativo sottoscritto il 24 febbraio u.s.. A questo si aggiunge anche l’importante proroga dell’accordo sulle tutele occupazionali e mantenimento delle sedi di lavoro del Gruppo fino al 31 marzo 2023.

Di seguito i punti salienti dell’accordo:

  • L’accordo avrà un carattere sperimentale e prevederà costanti confronti tra le parti. La durata è di un anno dall’entrata in vigore, con verifica dopo 6 mesi.
  • Destinatari: potranno accedere alla sperimentazione di Smart Working disciplinata nel presente Accordo le lavoratrici e i lavoratori appartenenti ai ruoli amministrativi, di cui alla Disciplina Speciale, Parte Prima, del vigente CCNL imprese di assicurazione, nonché del CCNAL di Allenza Assicurazioni, sia presso le sedi direzionali sia presso le altre sedi aziendali sia a tempo indeterminato che a termine , sia a tempo pieno che a tempo parziale, alle dipendenze delle società del Gruppo cui il presente Accordo si applica (Assicurazioni Generali, Generali Italia, Generali Business Solutions, Genertel, Genertel Life, Welion, Gosp, Alleanza Assicurazioni e Alfuturo), compatibilmente con le mansioni svolte, con il grado direadiness delle strutture di appartenenza, ad esclusione di:
    • lavoratrici e lavoratori esterni,
    • addetti all’organizzazione produttiva per i quali le richieste di ristoro sono rinviate alle singole Aziende,
    • lavoratori che per prescrizione medica necessitano di dotazioni di lavoro speciale che l’Azienda può fornire solo in sede,
    • personale operante nell’ambito dell’Area Claims (con sede di lavoro diverse da Milano, Roma, Napoli, Torino, Mogliano Veneto, Genova, Chieti, Firenze, Trieste). Per questa tipologia di personale si prevede di definire l’applicazione del presente accordo, con eventuali modifiche, nell’ambito del confronto sindacale specificamente previsto a partire dal mese di settembre. Alle lavoratrici ed ai lavoratori dell’Area Claims verrà, comunque, applicata la parte economica del presente accordo, previa adesione specifica a quanto sarà disposto dal successivo accordo.
  • Giornate in Smart Working: di norma 3 a settimana distribuibili anche su base mensile (13 giorni al mese), con possibilità di riporto bimestrale, ad eccezione del personale amministrativo con sede di lavoro presso le sedi direzionali di Assicurazioni Generali e il personale dell’Area Asset & Wealth Management (fino a 3 giorni a settimana), rete Alleanza (2 giorni di norma a settimana, 8 al mese), addetti contact center di Generali Italia, Welion, Generali Business Solutions e Genertel Life (4 giorni a settimana, 16 al mese) e addetti contact center Genertel (schema di 3/4giorni a settimana, 13 o 16 al mese)
  • INCLUSIONE: sono previste misure inclusive importanti quali facilitazioni al Lavoro Agile nelle situazioni familiari complesse, con l’obiettivo di favorire anche in tale contesto la conciliazione tra i tempi di vita e di lavoro.
  • DIRITTO ALLA DISCONNESSIONE: la pianificazione di riunioni e/o video conference potrà avvenire di norma nella fascia oraria dalle 9:00 con termine entro le 18:00, fatta salva la pausa pranzo 13-14; nessun obbligo di risposta a email, telefonate, ecc al di fuori dell’orario di lavoro.
  • DIRITTI SINDACALI: viene messa a disposizione del Sindacato, visibile a tutto il personale del Gruppo, la bacheca elettronica; ci sarà la possibilità di indire assemblee on line e avere il voto da remoto
  • ECONOMICO: 500 euro lorde come ristoro del 2021, indennità annua di 300 euro lorde a decorrere da 1/1/2022.
    Conferma mantenimento ticket.

Se è vero che il lavoro agile ha riscontrato in questi anni gradimento tra lavoratrici e lavoratori del Gruppo, sono emersi altresì limiti e rischi. Questo accordo di alto profilo, in grado di rappresentare uno strumento di modernità nell’organizzazione del lavoro, flessibilità operativa e conciliazione dei tempi di vita e di lavoro dei dipendenti del Gruppo Generali, permetterà alle OO.SS. di accompagnare e non lasciare sole/i colleghe e colleghi nei processi del cosiddetto Next Normal, con un confronto costante con l’azienda.

Per i suoi contenuti innovativi, è un accordo che può costituire un riferimento per l’intero settore assicurativo e per altri settori merceologici.

Nella giornata di ieri è stato infine rinnovato anche l’accordo sulle tutele occupazionali fino al 31 marzo 2023, garantendo serenità e tranquillità a tutti i lavoratori del Gruppo in Italia.

L’Azienda si è inoltre impegnata, a partire dal mese di settembre, a riprendere gli incontri di confronto su ex Partecipazione agli Utili, riorganizzazione rete liquidativa Claims e ristori per i produttori a livello aziendale.

Il pacchetto negoziale complessivo, che comprende il rinnovo del Cia, l’accordo sul lavoro agile e l’accordo sulle tutele occupazionali, sarà portato a settembre nelle assemblee delle lavoratrici e lavoratori per la discussione e approvazione. Verranno comunicate successivamente le modalità operative.

scarica il Verbale di Accordo

Back to top button