Gruppo Unipol: al centro deve esserci il capitale umano

Nelle giornate del 23/05 e 27/05 le scriventi OO.SS. hanno incontrato il Gruppo sui seguenti temi: 1) Focus sulla Direzione Generale Assicurativa. 2) Fondo di solidarietà.

Focus sulla Direzione Generale Assicurativa – Il Direttore Generale Ellena ha illustrato le azioni industriali e gli assetti operativi della Direzione Generale Area Assicurativa (rete agenziale, tecnica danni, commerciale e distribuzione, sinistri). Nel corso dell’illustrazione il Gruppo ha sottolineato che l’obiettivo fondamentale è recuperare la centralità del cliente: creare nuovi prodotti per soddisfare nuove esigenze, dare più servizi e una comunicazione tempestiva e trasparente. In quest’ottica si gestiranno le reti mantenendo le Divisioni dei Gruppi Unipol e Fondiaria-Sai, pur nella progressiva necessaria omogeneizzazione dei processi.

Le OO.SS. hanno dichiarato che una riorganizzazione cosi complessa, con obiettivi industriali ambiziosi, si può realizzare solo assumendo come centrale il capitale umano.

Pertanto una valutazione di merito approfondita sarà possibile solo nell’ambito dei prossimi incontri specifici sui diversi “cantieri” delle varie Aree, che dovranno consentire di analizzare e gestire gli eventuali impatti di tutte le azioni programmate sulle persone coinvolte.

Come OO.SS. si ribadisce infatti che, dopo l’importante intesa sulle tutele occupazionali del 20/03 us, l’obiettivo è arrivare ad un accordo complessivo su: riorganizzazione (equilibrio quali-quantitativo delle sedi, riconversioni professionali, salvaguardia delle professionalità/competenze….), assets interessati dalla cessione di portafoglio, Fondo di solidarietà, lavoratori che hanno raggiunto i requisiti per la pensione.

Fondo di solidarietà – L’azienda ha illustrato il contesto normativo nel quale ci muoveremo. Data la complessità della materia, e considerato che si tratta del primo accordo del settore, il Gruppo ha proposto l’istituzione di una commissione per approfondire le tematiche “tecniche” relative ai requisiti di accesso al Fondo e di calcolo dell’assegno. I lavori della commissione saranno propedeutici al confronto politico/negoziale.

L’Impresa ha poi ipotizzato una propria tempistica sulle uscite: 31/12/2013 per chi ha già maturato i requisiti pensionistici; uscite scaglionate in tre scadenze nell’arco del 2014 per chi ha i requisiti di accesso al Fondo ( 60 mesi alla maturazione dei requisiti pensionistici).

Inoltre ha dichiarato la propria disponibilità a trovare soluzioni per rendere interessante l’adesione al Fondo per i lavoratori che ne hanno i requisiti, in un ambito comunque di piena consensualità per tutta la prima fase di applicazione del Fondo. Anche successivamente l’Azienda ha escluso l’utilizzo della 223, in continuità con il verbale di incontro del 20 marzo, nelle eventuali future intese sugli esuberi.

Le OO.SS hanno ribadito che il confronto sul Fondo rientra nell’ambito di un accordo complessivo e delle procedure previste dal Ccnl, che necessita quindi di tutti i dati e le informazioni al momento non ancora esaustivi, e hanno riaffermato la volontarietà dell’adesione al Fondo.

I prossimi incontri in calendario sono:

10/06 : Commerciale, con la presenza del Direttore Responsabile
18/06 : Vita e finanza con la presenza del Direttore Responsabile

A breve verrà fornita la data per approfondire in modo specifico le attività dei cantieri e l’evoluzione dei processi organizzativi correlati alle funzioni “Amministrazione e Bilancio”, “Fiscale” e “Acquisti-Attività Ausiliarie”, alla presenza dei Direttori Responsabili.
Seguiranno ulteriori incontri sui restanti importanti cantieri (es Sinistri…) con l’impegno di calendarizzarli entro l’estate.
Vi terremo costantemente aggiornati sull’esito degli incontri.

OO.SS. Gruppo Unipol

Back to top button