Riscossione: trattativa, posizione insoddisfacente della controparte

L’incontro sviluppato nella giornata odierna si è concluso con una dichiarazione di grande insoddisfazione da parte delle organizzazioni sindacali, a causa della complessiva indisponibilità dell’azienda, pure a fronte delle posizioni di merito rappresentate nel corso del precedente incontro.

La holding, infatti, ha avviato l’incontro ribadendo per l’ennesima volta la critica situazione in cui versa il settore e le preoccupanti condizioni economiche e finanziarie cui va incontro il gruppo, particolarmente a fronte delle recenti scelte legislative.

Solo in seguito alle specifiche domande della nostra delegazione, controparte ha genericamente dichiarato l’insostenibilità economica delle richieste sindacali, precisando di poter eventualmente solo ridistribuire le risorse predeterminate (da loro) fra i diversi istituti contrattuali, rinunciando a formulare nuove specifiche proposte di merito.

A fronte di ciò le organizzazioni sindacali hanno sottolineato la delusione per la mancata sensibilità della delegazione aziendale nel cogliere il senso di responsabilità dei rappresentanti dei lavoratori e la necessità e l’urgenza di addivenire ad un punto di incontro.

Successivamente, al termine dell’incontro, controparte è stata invitata a definire una posizione ultimativa sull’intero impianto contrattuale, entro la prossima settimana, valutando anche proposte alternative e corredando le posizioni rispetto ai singoli istituti con le informazioni dei costi relativi.

Nel contempo, le segreterie scriventi hanno espresso con forza l’esigenza di valutare non solo il mero aspetto di costo ma il grande significato di un’intesa che deve rappresentare il giusto riconoscimento della professionalità e l’elemento motivazionale dei colleghi, condizioni indispensabili alle positive prospettive del settore.

Le Segreterie Nazionali e di Coordinamento aziendale

Roma, 16 Gennaio 2014
Scarica comunicato

Back to top button