Allianz Bank: trasferimento sportelli e apertura nuove filiali

Nella giornata del 19/06 si è tenuto il previsto incontro tra le Organizzazioni Sindacali Aziendali e la Direzione del Personale di Allianz Bank, in temi di situazione degli sportelli e trasferimenti del personale per l’apertura di nuove filiali.
Come sapete, è in previsione l’apertura di 5 nuove filiali ( Treviso, Bari, Firenze, Parma e Varese) entro la fine del 2014, che porterebbe il numero totale degli sportelli a 25, questo significa almeno 10 nuovi addetti da reperire all’interno della Banca in primis nella Direzione Operativa.
Le OOSS Az. hanno richiesto all’Azienda che almeno nelle situazioni più problematiche si procedesse con delle assunzioni sul territorio utilizzando anche gli strumenti previsti dal nostro CCNL come il F.O.C. – Fondo per l’occupazione – al quale contribuiscono tutti i lavoratori.
La nostra richiesta inoltre è stata motivata e sostenuta anche dal persistere, se non peggiorare, del problema “sostituzioni” che probabilmente aumenterà visto il numero crescente degli sportelli.

La risposta dell’Azienda è stata:

utilizzo puntuale dello strumento del job posting per la ricerca di personale da adibire alle Filiali. Se la ricerca non dovesse avere buon esito, l’Azienda ricorrerà all’utilizzo dell’art.111 – Trasferimenti del CCNL, e che l’eventuale protocollo d’intesa riguarderà solo le condizioni di trasferimento del collega.

Le OOSS Az. ribadiscono l’auspicio che non si ricorra al trasferimento “forzato” di personale ancorchè previsto dal CCNL, norma che peraltro finora ha trovato scarsa applicazione nel settore bancario, poiché tali provvedimenti causano forti tensioni tra Azienda e lavoratori.

Invitiamo pertanto l’Azienda a lavorare con le RSA per un futuro Protocollo di Intesa che preveda oltre all’utilizzo puntuale del job posting e migliori condizioni di trasferimento, anche la tematica del modello di filiale a 2 o più addetti, un percorso professionale per i colleghi di sportello e un efficiente sistema di sostituzioni.

FABI – FIBA CISL – FISAC CGIL – UGL – UILCA
Scarica comunicato

Back to top button