Lazio – Agricoltura in crisi, appello alla Regione Lazio

La crisi economica che ha piegato tutti i settori dell’economia made in Latina aveva solo parzialmente intaccato quello agricolo. L’agricoltura era e resta la punta di diamante in termini di produzione ed occupazione del territorio pontino. Ma il maltempo, le piogge incessanti degli ultimi mesi, stanno creando danni consistenti anche in questo comparto. A lanciare l’allarme e a chiedere un intervento immediato da parte della Regione Lazio è Argeo Perfili, presidente della Confederazione italiana agricoltori di Latina. Frutta, ortaggi, zootecnia da latte (bufalino, vaccino, ovicaprino) e da carne, cereali, non c’è un settore della produzione agricola che non subisca gravi perdite e si pieghi alla crisi che per la prima volta tocca pesantemente anche le aziende agrituristiche e multifunzionali.

IL DANNO. Solo in provincia di Latina stimiamo perdite di reddito complessivo superiore ai 20 milioni di euro e siamo appena all’inizio di importantissime campagne di raccolta di grandi coltivazioni come il pomodoro da industria, la vite solo per fare alcuni esempi.
IL COMMENTO. “La causa – spiega Perfili – si deve ricercare anche negli altissimi costi di produzione, costo della burocrazia insostenibile, tasse insopportabili da un lato, prezzi alla produzione in picchiata, crisi di mercato e crollo dei consumi, una stagione meteorologicamente disastrosa dall’altro”.
IL RISULTATO. Molte imprese preferiscono rinunciare alla raccolta del prodotto piuttosto che affrontare ulteriori costi di manodopera. “Abbiamo avviato – conclude Perfili – una serie di iniziative sul territorio per verificare fino in fondo i problemi dei singoli comparti della produzione e le condizioni in cui si operano le aziende. E’ necessario che la Regione Lazio si attivi immediatamente per mettere in campo tutte le iniziative necessarie a rendere meno pesante la situazione di crisi, alleviare gli agricoltori di inutili e costosi controlli ed evitare la chiusura e il fallimento di moltissime imprese agricole”.
tratto da : il corriere di Latina
Back to top button