Cariparma: Proroga accordi in scadenza nuove condizioni riservate ai dipendenti

Lo scorso 23 dicembre, sono stati sottoscritte a livello di Gruppo le proroghe di importanti accordi che vedevano la scadenza al 31 dicembre 2014.
La proroga è stata sottoscritta dalle parti senza modifiche degli accordi stessi in quanto le materie trattate e le decisioni concordate al tempo della sottoscrizione risultano ancora applicabili e produttrici di effetti non ancora superati.
Gli accordi prorogati di un anno, con tacito rinnovo al 31/12/2017 in assenza di sostanziali modifiche al quadro normativo, sono:
 Accordo del 19/01/2012 in tema di Relazioni Industriali;
 Accordi aziendali (9/4/2011 per Cariparma, 20/12/2012 e relative lettere a latere per FriulAdria, 11/10/2012 per Carispezia, 14/12/2012 per Calit), normanti il rapporto di lavoro a tempo parziale;
 Accordo integrativo di Gruppo del 20/12/2012 e accordo quadro del 2/6/2012 e relativa lettera a latere, per quanto riguarda la mobilità.
Nella stessa giornata sono state inoltre comunicate dall’azienda nuove condizioni creditizie, riservate al personale dipendente e in quiescenza.
Le variazioni per i mutui e i prestiti riguardano esclusivamente le nuove erogazioni.
Nella riunione che si è svolta a Parma, nei giorni 22 e 23 dicembre scorsi, l’Azienda ha disegnato il quadro della situazione del Gruppo Cariparma, anche in relazione alle attività che sono state annunciate relativamente alle sinergie che si verranno a creare nel prossimo futuro con quanto viene attualmente svolto dal gruppo Credit Agricole in Italia.
L’Azienda ha ribadito che il nuovo orizzonte non avrà alcuna ricaduta occupazionale e che l’obiettivo rimane quello di creare sinergie tra le varie realtà aziendali e formano gli interessi della capogruppo francese nella nostra nazione.
Il primo passo di variazione organizzativa sarà, nel 2015, la creazione di una nuova struttura che comprenderà alcune delle attività attualmente distribuite nelle varie aziende: il progetto è ancora allo studio e ne verrà data comunicazione particolareggiata non appena vi saranno i presupposti.
In quest’ottica l’Azienda ha comunicato l’intenzione di dare omogeneità alle condizioni bancarie per tutto il personale del Gruppo CA in Italia.
Un’altra considerazione riguarda l’andamento dei tassi in relazione agli esistenti accordi, che avevano visto la luce nel 2007. Al tempo il tasso di riferimento rimaneva alla quota del 4% circa, oggi il valore è attestato allo 0,05% e le previsioni lo vedono stabile per i prossimi anni. Questa previsione viene considerata dall’Azienda assolutamente incompatibile con le dinamiche del credito, costringendola a rivedere i tassi delle nuove erogazioni, pur mantenendo le gratuità della maggior parte dei servizi offerti e facendosi carico dei bolli sui conti correnti e sui dossier titoli.
Riprendendo la strategia di creare sinergie nel Gruppo CA è stata introdotta la possibilità di ottenere prestiti non documentati a tassi agevolati da AGOS. Sono stati riviste, migliorandole, pure le commissioni e gli sconti riservati a dipendenti del Gruppo, in relazione ai prodotti offerti dalle compagnie legate a CA, quali assicurazioni, fondi d’investimento, acquisto di automobili di FGA.
Le OOSS, prendendo atto della decisione, hanno ottenuto l’impegno di concordare una eventuale rivisitazione delle stesse, qualora gli indicatori considerati dovessero subire variazioni di rilievo. Queste le principali nuove condizioni applicate:
 C/C tasso DARE: BCE+0,50%
o Fido di
 3.000 Euro per il personale fino a 2 anni di anzianità
 13.000 Euro oltre i 2 anni di anzianità;
 C/C tasso AVERE: 0,50% del tasso BCE;
 Mutuo prima casa
o Tasso BCE+0,50%
o Applicabilità
 120.000 Euro per dipendenti in servizio e figli
 100.000 Euro integrativo per dipendenti in servizio e figli
 Conto prefinanziamento;
 Mutuo ordinario casa (anche per integrazione acquisto prima casa)
o Tasso BCE + 1,00% massimo 100.000 Euro;
 Prestito non documentato AGOS, sostituisce il prestito non documentato fornito
direttamente dalla aziende del Gruppo
o Fino a 50.000 Euro
 Zero spese di istruttoria
 Tasso BCE+1,50% per durata fino a 48 mesi
 Tasso BCE+2,00% da 49 mesi fino a 120 mesi;
 Prestito documentato erogato dalle aziende del gruppo
o Tasso BCE +0,80%.
Vi sono inoltre le seguenti agevolazioni:
 Carta revolving AGOS, Standard e Gold; fido 3.600/5.100 Euro TAN BCE+1,00%;
 Amundi: zero commissioni per fondi e sicav;
 CA Assicurazioni:
o Zero commissioni per prodotti vita
o Sconto 36,6% protezione auto
o Sconto 30% per protezione casa e infortuni;
 CA credit insurance: sconti riservati in funzione della tipologia e durata del prodotto;
 FGA Capital: adeguamento sconto ai dipendenti.
Riportiamo anche le principali condizioni per i dipendenti in quiescenza:
 C/C tasso DARE: BCE+0,50%;
 C/C tasso AVERE: 0,50% del tasso BCE;
 Mutuo prima casa:
o Tasso BCE+0,50%; applicabilità max 120.000 Euro;
 Prestito documentato erogato dalle aziende del gruppo
o Tasso BCE +0,80%.
Infine, su sollecitazione delle OO.SS., l’Azienda si è impegnata ad una verifica accurata circa le effettive modalità, anche a livello delle singole realtà aziendali, con cui vengono attuati i disposti degli accordi rinnovati.
Parma, 9 gennaio 2015
LE SEGRETERIE DEL GRUPPO CARIPARMA CREDIT AGRICOLE
Dircredito – Fabi – Fiba Cisl – Fisac Cgil – Sinfub – Ugl Credito – Uilca

Scarica documento

Verbale di Riunione

Back to top button