Gruppo Deutsche Bank: Riorganizzazioni private banking, personal banking, db easy, middle office

In data 26 e 27 maggio 2016 si sono tenuti gli incontri previsti dalle informative aziendali sui temi in testata.
Durante gli incontri le scriventi Organizzazioni Sindacali hanno sottoposto all’azienda le loro valutazioni e criticità in merito agli argomenti trattati. Ovviamente, dato che le procedure sono appena state avviate, le osservazioni puntuali e di merito seguiranno lo sviluppo delle procedure.
RIORGANIZZAZIONI CON DECORRENZA LUGLIO 2016
PRIVATE BANKING
Dopo avere ascoltato una relazione introduttiva di Silvio Ruggiu sul quadro generale di scenario del sistema, siamo entrati più nello specifico dell’informativa sulla strategia aziendale, tesa a recuperare quote di mercato. In particolare abbiamo appreso che la riorganizzazione è mirata a fidelizzare maggiormente i clienti su base familiare consentendo, mediante un’adeguata riportafogliazione della clientela, una maggiore attenzione del private banker concentrata su un minor numero di clienti. Uno dei risvolti più negativi dello scenario generale è dato infatti dai maggiori servizi a basso costo offerti dal mercato grazie alla digitalizzazione diffusa. L’Azienda ha inteso fidelizzare la propria clientela potenziando i servizi di consulenza, estendendoli ai nuclei familiari e rafforzando in tal modo la percezione di qualità del servizio come elemento distintivo rispetto alle offerte del mercato.
Ricadute sul personale: L’azienda dichiara limitate esigenze di riassegnazione dei ruoli dei Private Banker e Consulente Investimenti nell’ambito della rete che determineranno limitate esigenze di mobilità territoriale (3 possibili cambi di residenza e 29 pendolarismi) gestiti prioritariamente su base volontaria.
PERSONAL BANKING
L’azienda intende perseguire l’obiettivo di incrementare le proprie quote di mercato mediante l’attività fuori sede di alcuni PB. Inizialmente, circa 60 Personal Banker dotati dei requisiti necessari e su base volontaria, saranno iscritti alla sezione E del Registro Unico degli Intermediari e saranno dotati di tesserino di riconoscimento in modo da poter procedere all’offerta fuori sede di prestiti personali, mutui a privati, conti correnti, assicurazioni (prodotti non finanziari). Per lo svolgimento di tali attività, sostanzialmente rivolta ai presidi B2e, essi verranno dotati di tablet o laptop che consentiranno di agire in modalità paperless.
Condizione necessaria affinché il collega possa svolgere l’attività fuori sede è che lo sportello di appartenenza abbia almeno 3 persone.
Ricadute sul personale: non sono dichiarate ricadute da parte aziendale. Tuttavia le Organizzazioni Sindacali hanno rilevato delle criticità rispetto a carichi ed orario di lavoro, che potranno subire delle modifiche anche importanti, e rispetto all’eventuale utilizzo di mezzi propri dei lavoratori per raggiungere la clientela fuori sede, e alle implicazioni che questo comporta.
DB EASY accorpamento / chiusura sportelli
Roma: lo sportello di Largo Tritone sarà accorpato a quello di Via Benedetto Croce.
Milano: lo sportello di Via Burlamacchi sarà accorpato a quello di Via Ranzoni. Contestuale riallocazione della nuova unità in un altro immobile sito nella medesima zona della città.
Lucca: chiusura dello sportello e trasferimento delle 3 risorse presenti (2 su Firenze e 1 su Prato).

Ricadute sul personale: I colleghi di Roma e Milano subiranno uno spostamento nell’ambito della stessa piazza, mentre per i colleghi di Lucca il trasferimento di piazza comporterà un avvicinamento alla residenza.
MIDDLE OFFICE di Lecco e Napoli
L’argomento sarà affrontato nel corso del prossimo incontro.
VARIAZIONE ORARIO APERTURA CASSA PER ULTERIORI 151 SPORTELLI
Nel corso dell’incontro del 27 abbiamo esposto all’azienda alcune problematiche riscontrate dai colleghi che dal 1° febbraio u.s. operano con servizio di cassa ridotta come ad esempio la mancanza presso lo sportello di un ATS, “migrazione” della clientela per l’operatività di cassa ridotta presso gli sportelli con orario di cassa tradizionale e conseguente aggravio per questi ultimi dei carichi di lavoro, difficoltà di conciliazione degli orari part-time con i nuovi orari di lavoro previsti.
Vi informeremo tempestivamente in ordine agli sviluppi del confronto, che ci consentiranno di mettere a fuoco tutte le criticità connesse alle riorganizzazioni, essendo stati questi solo degli incontri introduttivi delle procedure,
Milano, 30 maggio 2016
Segreterie di Coordinamento
FABI – FIRST/CISL – FISAC/CGIL – UILCA – UNISIN

comunicato

lettera 270516

Back to top button