Riscossione: ennesimo attacco alle sedi ed ai lavoratori di Equitalia

equitaliaAncora una bomba ieri, forse un petardo collocato nottetempo da criminali all’ingresso della sede di Napoli – corso Meridionale, provoca ‘per fortuna’ solo danni alla porta di ingresso e la caduta di qualche calcinaccio. Ormai, e da tempo, siamo nel mirino di delinquenti che attentano alla nostra incolumità. Solo alcuni giorni fa, infatti, sono stati recapitati in molte sedi i pacchi con polvere sospetta mentre presso la sede di Cagliari, nel giorno della nostra protesta del 14 novembre, è stato rinvenuto uno striscione che ci invitava ad impiccarci.

È pensabile andare avanti  ancora in questo modo?

È possibile vivere in un paese dove le massime istituzioni si esprimano ed agiscano con senso di responsabilità, evitando un linguaggio che possa armare la mano al folle ed ai folli di turno?

È possibile che in Equitalia si alzi il livello di attenzione a tutela delle sedi, degli uomini e delle donne che vi lavorano?

Sembrerebbero cose di buon senso. Ma dobbiamo constatare che nel nostro paese esso, nella sostanza, manca.

Back to top button