Molestie e violenze di genere sui luoghi di lavoro


Modulo divulgativo dei contenuti della Dichiarazione congiunta ABI OO.SS. del 12 febbraio 2019

Nelle giornate del 25 e 27 marzo e 17 maggio u.s. si sono svolte a Palermo, Catania e Siracusa, tre edizioni del corso “Molestie e violenze di genere sui luoghi di lavoro” – modulo realizzato dal dipartimento formazione della Fisac-Cgil Sicilia e dal dipartimento regionale per le politiche di genere – con l’obiettivo di divulgare i contenuti della dichiarazione congiunta tra ABI e le OO.SS. sottoscritta il 12 febbraio 2019.

Un percorso di accrescimento della “consapevolezza di genere” che a partire dal quadro giuridico di riferimento, attraverso l’analisi di casi concreti, ha consentito ai partecipanti di sistematizzare il bagaglio di informazioni già in loro possesso e mettere a fuoco le sottili differenze che separano le violenze dalle molestie e dai comportamenti inopportuni, fino a stimolare una vera e propria assunzione di responsabilità individuale nella costruzione di un ambiente lavorativo inclusivo, equo e rispettoso di tutte le diversità.

Circa una cinquantina di persone, individuate con particolare cura all’equilibrio di genere, hanno dato vita ad un partecipato e multiforme dibattito che ha trovato riscontro nelle considerazioni conclusive degli intervenuti, alcune delle quali ci piace riportare:

Salvatore da Biancavilla: “Ho preso parte all’evento pensando che avrei ricevuto suggerimenti su come comportarmi con le colleghe ed in genere con le donne che incontro nell’ambito lavorativo. Mi porto a casa molto di più, tanti spunti per riflettere su stereotipi e luoghi comuni, sui nostri ambienti di lavoro, sulla nostra capacità di rendere il clima rispettoso, inclusivo e gradevole per tutte e tutti”;

“Gli esempi riportati sono realistici e mi sono molto immedesimata nelle varie situazioni. Sicuramente a molte di noi è accaduto di sentirci rivolgere un complimento non gradito o di essere discriminate in quanto Donne durante una riunione di lavoro. Questo corso dovrebbe avere la massima diffusione” dice Federica da Palermo.

In conclusione una stimolante e proficua esperienza che la Fisac-Cgil Sicilia auspica possa essere condivisa sia negli altri territori che in ambito confederale.