Calcagni – Unicredit: la seconda banca del paese deve rimanere sul territorio nazionale

Sui dati di semestrale del Gruppo  Unicredit rassegnati oggi dal Ceo Mustier, ci sembra di poter dire che la Borsa non ha premiato la  dismissione di asset profittevoli.
Per quanto riguarda l’affermazione sul turn over generazionale  ( 2500 lavoratrici e lavoratori) ci aspettiamo che i volumi espressi per anno vengano defalcati dal totale dei presunti esuberi riportati ad oggi da fonti giornalistiche.
Ma la questione di fondo è per noi legata alla permanenza della seconda Banca del Paese sul territorio nazionale.
È su questa domanda che  chiamiamo a rispondere Monsieur Mustier.
Il tempo delle indiscrezioni è terminato,  e ora che ci sia chiarezza sulle reali intenzioni del Gruppo.


da www.borsaitaliana.it

Unicredit: Fisac Cgil, Mustier faccia chiarezza su permanenza in Italia

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) – Milano, 08 ago – ‘La questione di fondo e’ per noi legata alla permanenza della seconda Banca del Paese sul territorio nazionale. E’ su questa domanda che chiamiamo a rispondere Monsieur Mustier

Il tempo delle indiscrezioni e’ terminato e’ ora che ci sia chiarezza sulle reali intenzioni del Gruppo’. Lo ha dichiarato il segretario generale della Fisac Cgil, Giuliano Calcagni, su Unicredit. Inoltre, continua il sindacalista, ‘per quanto riguarda l’affermazione sul turn over generazionale (2.500 lavoratrici e lavoratori) ci aspettiamo che i volumi espressi per anno vengano defalcati dal totale dei presunti esuberi riportati ad oggi da fonti giornalistiche’, concludendo che l’accoglienza in Borsa della trimestrale della banca dimostra che il mercato ‘non ha premiato la dismissione di asset profittevoli’.