Crédit Agricole DR Romagna: aggiornamento incontro su Coronavirus

DIREZIONE REGIONALE ROMAGNA – RSA

 

QUESTIONE CORONAVIRUS
AGGIORNAMENTO SU INCONTRO RLS E
ORGANISMI AZIENDALI COMPETENTI

Da parte aziendale sono già arrivate una serie di indicazioni sui comportamenti da tenere in merito alla questione Coronavirus, da parte nostra riteniamo utile dare un aggiornamento sulla materia che certamente sta creando notevole apprensione ma che ci vede tutti coinvolti, OOSS, RLS e Azienda per ricercare soluzioni atte a contenere la problematica anche tenendo presente che i nostri servizi sono classificati come Servizio Pubblico Essenziale.

RLS E ORGANISMI AZIENDALI COMPETENTI: ieri gli organi competenti aziendali in materia di Salute e Sicurezza in una riunione call, in conformità alle indicazioni delle autorità competenti, hanno incontrato gli RLS aziendali per fare il punto sull’emergenza Coronavirus nell’ambito del Gruppo sia in proposito alle misure già attuate che a quelle in fase di attuazione. Di seguito un breve riassunto delle misure poste in essere e alcune raccomandazioni:

  • SMART WORKING posto in essere in ossequio alle prime indicazioni arrivate anche a livello governativo che hanno eliminato impedimenti burocratici e sollecitato l’attuazione oggi interessa circa 2.500 lavoratori degli oltre 9.000 del Gruppo CA;
  • SOSPENSIONE RIUNIONI E ALTRE OCCASIONI DI INCONTRO: sospensione dei corsi di formazione in aula, con la massima limitazione delle riunioni così come convenuto nei decreti ministeriali, sviluppando la comunicazione con mezzi di carattere tecnologico (call, video, skype)
  • SOSPENSIONE MISSIONI E SCAMBI DI PERSONALE IN RETE: massima limitazione alle trasferte questo per evitare in termini prudenziali che vi possano essere degli elementi di propagazione in rete di un eventuale contagio;
  • PULIZIE FILIALI E UFFICI: per FILIALI e UFFICI nelle zone gialle ci sono nuove procedure per la pulizia. Entro la settimana verrà completata la revisione dei contratti con i fornitori delle pulizie per effettuarle su base giornaliera con prodotti specifici a base di alcol e disinfettanti e anche con una igienizzazione e attenzione ai punti di maggior contatto. La pulizia igienizzante viene estesa anche alle postazioni Bancomat. A proposito delle pulizie ci sentiamo di fare una nostra raccomandazione ai colleghi: per consentire una maggiore pulizia di scrivanie e piani di lavoro occorre raggruppare e possibilmente togliere dai piani stessi le pratiche e i documenti di lavoro anche riponendole quotidianamente nei cassetti o negli armadi. Questo consentirebbe di attuare una maggiore igienizzazione in quanto il personale addetto non è autorizzato a spostare i documenti.  Vi chiediamo comunque di segnalare qualora le pulizie vi sembrassero non adeguate.
  • DISTRIBUZIONE NELLE FILIALI E NEGLI UFFICI DI SOLUZIONI DISINFETTANTI IDRO ALCOLICHE. A fronte del ritardo nella distribuzione delle soluzioni disinfettanti idroalcoliche l’azienda ha spiegato che sono in corso le forniture di Dispenser con soluzione idro alcolica, presso le principali sedi direzionali del Gruppo, e flaconi di amuchina o similari nelle realtà ubicate in zona gialla, che dovrebbero essere distribuite al più presto già entro il fine settimana. Il ritardo è dovuto anche al problema che per gli accaparramenti del materiale disinfettante viene data priorità alla protezione civile per l’emergenza epidemiologica nazionale. È stato evidenziato che è importante sia che arrivino al più presto sia che si tratti di dispenser da distribuire nelle varie postazioni di lavoro, questo in particolare in filiale, per evitare ai colleghi di spostarsi continuamente per lavare/disinfettare le mani.
  • FILIALI: nell’incontro è stata richiesta un particolare attenzione ai lavoratori delle Filiali che sono quelli più esposti e che a volte non riescono a porre in atto tutte quelle accortezze che vengono emanate dai decreti e riprese nelle circolari aziendali specialmente sulle distanze e agglomerati di persone. L’azienda ha risposto riconoscendo che occorre migliorare sicuramente il sistema di comunicazione alla clientela sia nella grafica che nella chiarezza dei contenuti, cercando di indirizzare e aiutare il cliente a cambiare le proprie abitudini per il rispetto di ciò che viene emanato dai vari decreti ministeriali. A questo proposito sono arrivati alle filiali i nuovi cartelli con l’obbligo di esporli che indicano espressamente ai clienti di ACCEDERE IN UN NUMERO LIMITATO, NON SUPERIORE AI COLLEGHI AL MOMENTO DISPONIBILI. Oltre ad esporlo inutile dire che spetta a noi invitare la clientela, anche nel loro stesso interesse, ad evitare di fare file all’interno della filiale. Ovviamente queste disposizioni, essendo arrivate via mail, sono già operative e non richiedono di essere autorizzate. Anche su questo vi preghiamo di segnalarci se dovessero sorgere imbarazzi.
  • PRESSIONI COMMERCIALI: sono già state “censurate” da un comunicato unitario di gruppo ed anche da parte degli RLS è stato denunciato che in questo momento sono ancora più inaccettabili. Su questo una nostra nota aggiuntiva: non vogliamo nemmeno pensare che ci sia chi telefona per chiedere i Forecast del mese di marzo in quanto sarebbe, a nostro avviso, da irresponsabili rispetto alla situazione corrente oltre che contrario rispetto alle previsioni dell’accordo sulle Politiche Commerciali. Quello che i colleghi hanno già presente è di ricercare un profilo di contatto con la clientela che, data la situazione generale, sia di assoluto rispetto del contesto e non crei imbarazzi. Inutile raccomandare prudenza se poi si alzano i budget o si sollecita a invitare la clientela a presentarsi in filiale. Anche in merito alle riunioni del mercoledì crediamo sarebbe bene utilizzarle come momento di confronto per capire come rapportarsi al meglio con la clientela.
  • DIREZIONI E CONCENTRAZIONE DEL PERSONALE: in occasione della call da parte RLS sono state riprese segnalazioni già effettuate anche formalmente che invitavano ad una riflessione su come evitare nuclei di eccessiva aggregazione in settori di per sé strutturati con una alta densità di presenze, come i casi del BOM, Banca Telefonica, BOIP in DR Romagna. Si è apprezzata la disponibilità aziendale a prendere in carico la nostra segnalazione rimandandoci a breve per ricevere sviluppi atti a cercare di limitare al massimo la concentrazione del personale in un solo ufficio.

In conclusione di incontro come RLS è stata fatta una specifica richiesta per calendarizzare al più presto altri incontri in modo che l’avvio, seppure tardivo di questi confronti, sia l’inizio di una fase di consultazione/informativa periodica tra organi competenti aziendali in materia di salute e sicurezza e RLS, per monitorare attraverso incontri specifici la situazione che è in continua evoluzione.

Vi terremo informati sull’esito delle prossime riunioni ed evoluzioni in un’ottica di condivisione del tema.

Back to top button