Generali OP: non ci siamo!

Non ci siamo! Come si potrà leggere nel Comunicato allegato la Compagnia continua a rinviare le risposte alle molteplici richieste del sindacato, sia quelle legate all’agevolazione dell’attività da remoto (ad esempio aprendo un ‘profilo full’ per tutti gli op direttamente senza passare dall’agenzia) sia quelle inerenti un supporto economico (fisso e certo, indipendente dalla produzione realizzata o realizzabile).

L’azienda parla di un ritorno alla normalità quando tutti i media parlano di un Paese che avrà un Pil almeno -10% a fine anno, di famiglie che hanno risorse solo per far fronte ai prossimi tre mesi, della perdita di centinaia di migliaia di posti di lavoro, mentre stringe accordi con Poste, nuove Compagnie o Compagnie del Gruppo per il collocamento di servizi che possono erodere i portafogli su cui stiamo lavorando e che custodiamo con tanta cura.
Ci fa piacere che l’organizzazione produttiva abbia prodotto eccellenti risultati nel 2019, ma come da sempre la nostra Azienda ci sottolinea ad ogni inizio d’anno i risultati acquisiti non contano, bisogna guardare avanti e certamente il 2020 non sarà una replica dell’anno precedente.
Quasi un mese fa abbiamo chiesto nuovamente un incontro urgente all’azienda per parlare di pressioni commerciali e My G, di attività dei ‘fragili e di un sostegno specifico, di pressioni sui tutors perché realizzino affiancamenti in presenza anche in locali non idonei e di indicazioni pressanti di inserimento nel piano di tutte le ferie in agosto (quando gli accordi presi erano diversi), di rispetto del diritto alla disconnessione durante l’attività da remoto che non deve diventare un lavorare continuo, degli incontri collocati sempre all’ora di pranzo o che si allungano oltre un accettabile orario così come la ricezione di email e messaggi, di sospendere il prestito auto per luglio ed agosto, di provvedere ad un adeguato riconoscimento economico all’attività della rete che siamo riusciti in parte a raggiungere con tutti i correttivi ottenuti sulle incentivazioni, ma che con l’applicazione della progressività da gennaio la Compagnia fa in modo di recuperare, quasi pentita di aver pagato qualcosa in più.
Questi temi uniti agli annosi temi inerenti produttività e monitorie, scarsissima progressione delle carriere, perdita costante di ispettori esperti che lasciano dopo anni di attività e nuovi ingressi che durano ‘un giro di valzer’, di difficoltà informatiche mai del tutto risolte, di digitalizzazione e vendita a distanza fortemente spinta, vanno coniugati con la previsione di un rinnovo contrattuale che riconosca  nel mansionario il vero ruolo e le reali funzioni di un ispettore, realizzi un riconoscimento inerente i pasti, individui modulazione di orari che vadano incontro alle necessità familiari e di cura e un inquadramento che faccia cadere le barriere tra personale amministrativo e commerciale.
Una serie di riconoscimenti normativi che hanno importanti effetti sul piano economico.
Per far questo abbiamo bisogno della forza e dell’azione convinta di tutti.
Chiedo a ciascuno di parlare con i propri colleghi, di confrontarsi e rafforzare la consapevolezza del momento cruciale che stiamo vivendo e di invitare ad iscriversi perché questo è uno dei primi impegni che si prendono a beneficio della collettività.
Solo uniti e numerosi riusciremo a far valere le nostre richieste, a tenere vive le coscienze e ad affermare una piena dignità del nostro lavoro.
So che ce la metteremo tutta! Un abbraccio

2 - First Cisl 3 - Fisac Cgil 8 - Fna 9 - Snfia 6 - Uilca

Nella giornata di Venerdí 10 Luglio, si è tenuto in call conference l’incontro previsto dal CCNL relativo all’informativa annuale sulla rete OP.

L’Azienda ha presentato i dati relativi all’anno 2019 in termini di organico, produzione e redditi.

Organico: Il numero dei produttori al 31.12.2019 era di 2451 contro 2331 dell’anno precedente con un saldo positivo di 120 unità, conseguenza dell’ incremento di nuovi inserimenti a fronte di una costante e sempre più preoccupante uscita di colleghi. I passaggi di livello sono stati costanti (130) così come i passaggi ad altri ruoli (33 di cui 29 agenziali e 4 amministrativi).

Produzione: +8,1% sul Vita (-0,4% PP e +8,9% PU) e + 6,7% sul DNA, dati che confermano anche per il 2019 il fondamentale e maggiore contributo dato dall’OP per il raggiungimento degli obiettivi Aziendali con un apporto pari al 53% del totale della raccolta AG.

Redditi: la redditività pro-capite risulta mediamente in aumento con un valore medio dell’8%. Ascoltata l’esposizione aziendale le OO.SS. hanno evidenziato grandi perplessità sulla gestione 2020 pur non essendo questo tema oggetto dell’incontro.

Alla luce delle interlocutorie risposte aziendali è stato richiesto con estrema urgenza un incontro per affrontare tematiche centrali e stringenti legate ai risultati, all’operatività ed al business per l’Organizzazione Produttiva in questo anomalo 2020, come da richiesta unitaria fatta il 22 Giugno scorso.

La Compagnia si è resa disponibile a fissare un incontro specifico in tempi rapidi volto ad affrontare tutte le tematiche ad oggi in sospeso. Questo incontro dovrà affrontare tutte le problematiche inerenti l’attività 2020 e legate alla situazione economica ed alle nuove modalità operative conseguenti all’emergenza Covid-19. Ad esempio : i cd. lavoratori fragili (che ad oggi si vedono soltanto un programma di produzione riparametrato) , un congruo meccanismo incentivante volto a coinvolgere tutti gli OP oltre a molte altre questioni di importanza fondamentale e non procrastinabili.

Si è inoltre richiesto, data la prosecuzione della remotizzazione della rete OP, che anche per i mesi di Maggio e Giugno il contributo per le spese telefoniche venga erogato nella prossima mensilità.
Come segnalazione unitaria abbiamo evidenziato all’Azienda che ad oggi le dimostrazioni Rappel presenti su SAP non riportano nuovamente i dati aggiornati riferiti alla produzione sovracomputata e/o con le misure straordinarie a sostegno dell’OP preventivamente emanate. Riteniamo che in una fase molto particolare come quella attuale debba essere messa al primo posto la certificazione e la quantificazione di ogni contratto al fine di poter liquidare in tempi certi e corretti quanto dovuto ad ogni singolo OP.

Le scriventi OO.SS., pur apprezzando i risultati evidenziati per il 2019, ritengono fondamentale la calendarizzazione nel più breve tempo possibile di un nuovo tavolo tecnico al fine di affrontare ogni criticità che mina quotidianamente l’attività dei Produttori, concreti attori del Business della compagnia.

Le RSA di Generali Italia FIRST/CISL FISAC/CGIL FNA SNFIA UILCA

Back to top button