Fruendo: ancora sulle lettere

fruendo accenture loghi unitari

All’atto di acquisizione della maggioranza delle quote societarie di Fruendo srl di Accenture avvenuta l’anno scorso, una delle prime e più significative conseguenze tangibili è stato il reintegro dei ricorrenti in MPS con il loro successivo distacco in Fruendo e la contemporanea proposta di una lettera contenente il testo di un accordo individuale di garanzia per i non ricorrenti, proposto da Banca MPS e Fruendo srl. Le lettere ci sono state consegnate e successivamente lette e spiegate in una singola telefonata effettuata dai soggetti in questione.
L’iniziativa volta a chiudere definitivamente la questione esternalizzazioni superando la divisione fra colleghi, fu salutata con piacere ed interesse dai lavoratori e dalle OOSS, che di fronte ad una operazione così complessa sono stati da subito fronte unito nella ricerca di soluzioni e nel rivendicare il diritto alla serenità ed alla sicurezza del lavoro per tutti.
Tuttavia, in alcuni tratti i testi proposti furono giudicati incompleti da molti colleghi e dalle stesse Organizzazioni Sindacali. Queste, previa una puntuale e attenta verifica legale, si fecero così carico di fare da portavoce di questa istanza proponendo di rendere più chiare ed esigibili le garanzie occupazionali contenute, e che lo fossero per la totalità dei colleghi di Fruendo ex MPS.
La pandemia e il cambio del board societario di MPS hanno poi rimandato ogni altra iniziativa, e queste lettere sono tutt’oggi “partite da sistemare”. Mentre alcuni impegni importanti contenuti nella lettera di Fruendo vengono onorati, come il fondo di accompagnamento all’esodo e la stabilità dei poli, rimangono ancora senza alcuna risposta le nostre osservazioni sulla lettera di garanzie MPS.
Il dialogo con la nostra azienda su questo tema non è mai mancato, e in un incontro con il Presidente di qualche mese fa fu manifestata comprensione e assicurato interessamento.

Molti accadimenti hanno stravolto la quotidianità di tutti, cambiato il nostro modo di lavorare e di vivere e determinato l’enorme difficoltà economica che sta attraversando e attanagliando il Paese.
Pur con questa consapevolezza, e con la comprensione che sul tavolo di MPS ci sono molti dossier complicati, abbiamo quindi ottenuto un nuovo incontro in merito col Presidente e AD di Fruendo srl non meno di qualche settimana fa, dopo avere lungamente atteso. Purtroppo, ancora oggi non è stato possibile arrivare all’obiettivo, che allora come oggi è semplicemente quello di poter voltare pagina, tutti.
Ribadiamo ancora una volta che comprendiamo la delicatezza e le difficoltà intrinseche del tema e della situazione della banca cliente e garante, ma proprio per questo abbiamo la necessità di addivenire al più presto ad una rapida e chiara conclusione di questa vicenda, che non è più procrastinabile.

Occorre riportare ai lavoratori una risposta chiara ed inequivocabile a quella nostra iniziativa, che coinvolgendo una controparte ‘terza’ ha affidato alla nostra azienda la rappresentazione di alcune indicazioni -non delle richieste- su come consentire ai colleghi di voltare pagina con serenità.

Chiudere questa dolorosa questione che ci trasciniamo da anni, che è una ferita mai rimarginata, è il miglior viatico per affrontare con un minimo di serenità tutte le sfide epocali che ci attendono.
Chiediamo una risposta, ne abbiamo il diritto

Milano, 23 febbraio 2021 LE SEGRETERIE

 

Back to top button