Banco BPM immobile mentre i colori dell’Italia cambiano

2 - First Cisl 3 - Fisac Cgil 6 - Uilca Unisin nuovo logo

Questa la mappa dell’Italia dal giorno 8 marzo:

Zona rossa: Campania, Basilicata e Molise. Zona arancione e arancione rafforzato: Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Abruzzo, Emilia Romagna, Marche, Piemonte, Umbria, Toscana e le province autonome di Bolzano e Trento. Zona gialla: Liguria, Lazio, Calabria, Puglia, Sicilia e Valle d’Aosta. Zona bianca: Sardegna.

Forse la nostra azienda non è informata che ad ogni colore corrispondono misure restrittive che mettono in difficoltà i nostri colleghi, in primis la sospensione della didattica in presenza per i figli, e forse non si ricorda di quanto garantito alle organizzazioni sindacali durante la trattativa di fine anno sulla concessione dei permessi genitoriali in caso di aggravamento della situazione.

Quel fantomatico COMITATO DI CRISI cosa sta facendo ???

Il peggioramento dovuto al quadro pandemico era prevedibile e le OOSS da due settimane stanno incalzando l’azienda sull’adozione delle mascherine FFP2, sulla concessione di permessi genitoriali, smart working, smart learning, turnazioni e chiusure temporanee, già deliberate dall’azienda e concordate con il tavolo sindacale nel novembre scorso.

Il percorso da intraprendere si conosce e quindi, COSA SI ASPETTA ???!!!!!!!!!
Da due settimane l’azienda si siede inondandoci solo di parole dichiarando una “finta

disponibilità” ed intanto i colleghi della sede e della rete si devono arrangiare.

Ma che organizzazione ha il terzo gruppo bancario se non riesce ad essere flessibile e veloce nel mettere in pratica le misure già note ????? Hanno perfino il coraggio di chiedere alle OO.SS. l’utilizzo delle giornate di sospensione retribuite covid senza esprimersi con chiarezza su chiusure e turnazioni. E’ come se un’azienda manifatturiera volesse attivare la cassa integrazione senza un calo della produzione!!!

E’ forse l’ennesima tattica per prendere tempo e continuare ad esercitare sui colleghi le indebite pressioni commerciali che abbiamo già più volte denunciato, infischiandosene della salute dei colleghi e clienti !!!

I lavoratori hanno bisogno di tutele e facilitazioni immediate, se l’Azienda non accetterà di adottare provvedimenti concreti le OO.SS. valuteranno ogni azione conseguente.

Milano, 8 marzo 2021

Coordinamenti Gruppo Banco BPM FABI FIRST/CISL FISAC/CGIL UILCA UNISIN

Back to top button