Mps: Evoluzione* Enti e razionalizzazione* PMI – (*leggi Chiusure!)

1 - Fabi 2 - First Cisl 3 - Fisac Cgil 6 - Uilca Unisin nuovo logo

È stata avviata oggi la procedura di confronto in tema di “Evoluzione del modello di servizio Enti e P.A e razionalizzazione distaccamenti Centri Pmi”.
La prima sintetica illustrazione dei rappresentanti aziendali ha delineato il progetto che prevede:

Per la clientela Enti
– la chiusura degli attuali presidi territoriali (1 Direzione Territoriale, 14 Centri Enti e 34 distaccamenti);
– la migrazione delle posizioni in portafoglio, in base alle caratteristiche dei clienti, per il 18% alle PMI, 2% al Private, 30% allo Small Business, 50% alla linea Valore;
– l’istituzione delle nuove DTC Lazio Centro-Sud e Lazio Centro-Nord, che sostituiranno le attuali DTC Enti Centro e Sardegna e DTC Lazio, anche per l’esigenza di un presidio specializzato per la clientela Enti di riferimento”;

Per i distaccamenti PMI:
– la chiusura di 7 distaccamenti periferici di piccole dimensioni sui 32 oggi esistenti (Sassari, Civitavecchia, La Spezia, Cuneo, Siracusa, Brindisi, Piombino);
– La migrazione della clientela avverrà sul Centro PMI “madre” per le aziende di maggiore dimensione, per le altre sullo Small Business.

Abbiamo, anche in questo confronto, ribadito la nostra netta contrarietà a riorganizzazioni realizzate in assenza di un Piano Strategico ufficiale che chiarisca le prospettive di futuro aziendale.
Nello specifico di questa iniziativa aziendale risulta illogico e non condivisibile lo smantellamento del presidio territoriale di servizi di qualità, che hanno anche garantito positivi risultati sui volumi della raccolta aziendale, nonché il suo mantenimento nei periodi critici della nostra Azienda.
Nondimeno ci preoccupa l’impatto sulle mobilità professionali e territoriali dei colleghi coinvolti e il riversamento di ulteriori responsabilità e notevoli carichi di lavoro sulla Rete commerciale, già pesantemente stressata e gravata da onerose incombenze e attività.
Nei prossimi incontri, entreremo auspicabilmente in maggiore dettaglio sugli effetti che riguardano i lavoratori e le lavoratrici coinvolti.
Siena, 7 maggio 2021

LE SEGRETERIE

Back to top button