Donne di tutto il mondo: divario di genere e intelligenza artificiale

Questa settimana vi presentiamo un punto di vista esterno, preso da Open Access Government, che  è una pubblicazione digitale che fornisce una prospettiva approfondita sulle principali aree di politica pubblica di tutto il mondo, tra cui assistenza sanitaria e sociale, COVID-19, ricerca e innovazione, tecnologia, governo, ambiente ed energia.

Vi riportiamo la traduzione dell’articolo pubblicato dopo lo scorso 8 marzo, sempre sul tema dell’Intelligenza artificiale, con un punto di vista di donne manager che lavorano nel settore. Proviamo, in questo modo, ad aprire un dibattito virtuale.


Come affrontare il divario di genere nell’intelligenza artificiale

Link ad articolo – eng

Per celebrare la Giornata internazionale della donna l’8 marzo, una vasta gamma di donne nella sfera dell’intelligenza artificiale ci racconta com’è essere una donna nel settore dell’intelligenza artificiale e fornisce consigli pratici per coloro che cercano di irrompervi.

Non si può negare il divario di genere nell’IA. Il Global Gender Gap Report del World Economic Forum 2020 mostra che solo il 26% dei professionisti in Data e AI sono donne. Una delle maggiori sfide è incoraggiare l’interesse tra le ragazze che lo vedono come un percorso di carriera “solo maschile”. Per cambiare questa percezione e attirare più donne nel settore, abbiamo bisogno di più voci femminili che condividano le loro esperienze nel settore dell’IA, mettendo in evidenza le opportunità e i vantaggi del lavoro nella tecnologia. Dopotutto, l’industria dell’intelligenza artificiale può essere altamente redditizia dal punto di vista personale e incredibilmente gratificante dal punto di vista professionale, con la possibilità di aggiungere valore reale alla società.

Le donne stanno trasformando l’industria dell’intelligenza artificiale, aprendo la strada a migliorare le esperienze per la prossima generazione e guidando nello sviluppo di nuove tecnologie. Avere le donne in questo ambito include, ad esempio, cambiare il gioco nell’istruzione STEM (STEM => scienza, tecnologia, ingegneria e matematica) e fondare una delle prime aziende capaci di introdurre il cliente in un servizio di Live Chat in America Latina. 

Ma quali insegnamenti trasmettono le donne nell’intelligenza artificiale alla prossima generazione in questa Giornata internazionale della donna? Abbiamo chiesto ai responsabili del cambiamento del settore del programma Women in AI di Amelia di condividere i loro pensieri:

Come risolvere il divario STEM per ridurre i pregiudizi nello sviluppo

Andrea Mandelbaum, Presidente e CEO di Mc-Luhan, è preoccupata per la diffusa disparità di genere all’interno delle STEM. “Con le donne che rappresentano solo una percentuale del 20-25% del settore, gli sviluppi tecnologici saranno distorti”, afferma. Andrea spiega che la promozione della “diversità di genere favorisce lo scambio arricchente di visioni e punti di vista per garantire obiettività nella progettazione e implementazione di soluzioni di intelligenza artificiale in termini di comprensione, interazione, empatia, generazione di modelli e risultati”.

La battaglia per la diversità inizia nell’istruzione.

In Francia, come in molti paesi, sono poche le donne nelle professioni digitali (solo il 33%). Virginie Mathivet, Chief R&D Officer di TeamWork, afferma di averlo sentito acutamente durante la sua carriera e sapendo che c’è una grave pressione sulle risorse nei dati e nell’intelligenza artificiale è necessario intensificare la necessità di fare di più per incoraggiare le donne in questi campi. Non solo stiamo perdendo il 50% del potenziale non sfruttato, ma lo stiamo facendo anche in un contesto di aumento della disoccupazione nei settori non digitali e di un importante divario di competenze nelle STEM. Virgine crede che “dobbiamo agire [migliorando l’istruzione] nella scuola secondaria”. Non solo attraverso l’insegnamento, ma anche nell’organizzazione di “laboratori di scoperta” per le ragazze per parlare con esperte e scoprire la varietà di ruoli disponibili.

L’importanza di avere modelli di ruolo del settore più diversificati continua durante l’istruzione. Come leader donna afroamericana della Des Moines University, la dott.ssa Angela L. Walker Franklin ha faticato a trovare mentori che avessero la stessa esperienza vissuta da lei, “nonostante molti anni di discorsi sulla diversificazione della leadership nell’istruzione superiore”. Meno di un terzo dei presidenti di college statunitensi erano donne nel 2016 e il numero non è dissimile nel Regno Unito. Tuttavia, si sente positiva per il futuro. Aumentando il numero di donne leader nell’istruzione superiore, possiamo incoraggiare ed ispirare più ragazze a perseguire materie STEM, non solo aumentando la diversità di genere nella tecnologia, ma anche in campi come l’ingegneria e le scienze della vita, afferma.

Sfidare i ruoli e le aspettative di genere è la chiave per il successo professionale

Ovviamente, non si tratta solo di portare le donne nel settore dell’intelligenza artificiale. Essere una donna in un settore fortemente dominato dagli uomini presenta delle sfide, in particolare quando si tratta di essere genitori. Liliana Mantilla, che lavora come Cognitive Delivery Manager presso Amelia, un’azienda IPsoft, descrive i ruoli precedenti in cui sentiva di “dovere lavorare il doppio rispetto ai colleghi maschi”. Si sentiva anche più afflitta dal senso di colpa di essere una madre lavoratrice, “a causa di una società che assegna alle donne i compiti di prendersi cura dei bambini”. Grazie a un marito solidale, è riuscita a dividersi il carico delle faccende domestiche e della cura dei figli, fondamentali per la sua crescita professionale. Come dice, non ci sarà un vero cambiamento sociale a meno che “anche gli uomini non siano coinvolti nella lotta” per l’uguaglianza di genere.

Non sei sola: stabilisci connessioni con persone che la pensano allo stesso modo

Le community, come Women in AI di Amelia, hanno svolto un ruolo fondamentale per Gaby K. Slezák, partner e responsabile di XR presso Evenness. Sottolinea l’importanza della diversità in aree come AI e XR per garantire che “la generazione delle sue figlie non soffra di processi di assunzione automatizzati parziali, ambienti di lavoro virtuali non inclusivi e mancanza di modelli femminili per la leadership”. Cita l’importanza di costruire reti di donne nel “promuovere una cultura del rispetto e dell’appartenenza”, in cui possono prosperare idee innovative.

Migliorare la diversità e colmare definitivamente il divario di competenze

Secondo il rapporto Future of Jobs 2020 del WEF, il ritmo dell’adozione della tecnologia dovrebbe continuare senza sosta, con un aumento significativo dell’interesse per la robotica e l’intelligenza artificiale. E sebbene ciò rappresenti una sfida importante per la riqualificazione e il miglioramento delle competenze della nostra forza lavoro esistente, rappresenta un’enorme opportunità per la prossima generazione. Come dice bene Virginie Mathivet, “se ogni donna in IA convincesse una giovane donna a entrare in questo campo”, raggiungeremmo rapidamente e facilmente la parità di genere. Quindi è chiaro che la sfida duratura in questa Giornata internazionale della donna è ispirare, educare e supportare la prossima generazione di leader STEM e guidare la chiusura del divario di genere dell’IA.

Back to top button