Banco BPM: Lavori in Corso n. 140

Il 26 e 27 ottobre abbiamo incontrato l’Azienda. Ancora una volta dobbiamo registrare una sessione di confronto caratterizzata dall’assenza di mandati da parte della delegazione aziendale. Mancate risposte quasi su tutti gli argomenti sul tavolo, un confronto che in questi termini è davvero poco utile. Questi gli argomenti affrontati:

Incorporazione Release in BancoBPM: avviata la procedura di confronto. I lavoratori coinvolti sono 11 dei quali 7 in distacco da BancoBPM e 4 dipendenti Release. I distacchi cesseranno con la fusione e i dipendenti Release saranno trasferiti in BancoBPM senza soluzione di continuità e con applicazione di CCNL e contratto integrativo BancoBPM.

Profamily: l’Azienda ha proposto l’accesso al Fondo Pensioni BPM per quanto riguarda la previdenza e alla CMA per quanto riguarda l’assistenza per tutti i dipendenti Profamily vista la storicità legata a doppio filo con BPM. Abbiamo chiesto i profili contributivi a carico azienda e lavoratori che questa scelta comporterebbe, il perimetro dei lavoratori coinvolti ed abbiamo con forza chiesto di legare allo stesso destino tutti i dipendenti di Banca Akros, nonché gli ex dipendenti oggi confluiti in altre società del Gruppo, già entrati nel Fondo Pensione BPM ma ad oggi esclusi dalla CMA, senza alcun valido motivo. Non ammettiamo figli e figliastri fra lavoratori che hanno condiviso storie del tutto assimilabili.

Perimetro lavoratori ex SGS: venerdi scorso nel corso di apposito incontro di commissione tecnica l’azienda ha espresso la propria valutazione sulla piattaforma presentata più di due anni fa, facendo tabula rasa non solo delle rivendicazioni ma anche delle previsioni di contratto di secondo livello tuttora applicate in proroga di scadenza, richiamando semplicemente le norme di CCNL per quanto riguarda i trattamenti indennitari. Le OOSS hanno respinto con decisione questa posizione invitando l’Azienda a rivedere la propria posizione nel prossimo incontro.

Premio Aziendale 2021: ancora nessuna risposta rispetto alla rivendicazione di 2000 euro lordi presentata più di un mese fa. Una strategia dilatoria sempre più evidente.

Green Pass: Le recenti FAQ da parte del Governo hanno chiarito che il Green Pass deve essere valido nel momento in cui il lavoratore effettua il primo accesso quotidiano alla sede di servizio e può scadere durante l’orario di lavoro, senza la necessità di allontanamento del suo possessore. Abbiamo chiesto che la Banca comunichi per iscritto a tutta la filiera delle persone deputate ai controlli la corretta interpretazione, in modo da fugare qualsiasieventuale dubbio.

Automatismi contrattuali: con le buste paga di ottobre sono stati finalmente liquidati gli automatismi dovuti compresi di arretrati. Invitiamo tutti gli interessati a verificare con il proprio rappresentante Fisac CGIL la correttezza degli importi corrisposti.

Polizze assicurative: ancora nessuna risposta concreta sui rinnovi delle polizze infortuni e di premorienza a favore del personale

Assunzioni: entro i primi giorni di novembre è previsto l’ingresso di 50 neoassunti. Numeri complessivi ancora ben lontani dalla sostituzione 1 a 2 che l’Azienda dovrebbe coprire entro il 31.12.2021 a norma degli Accordi Sindacali firmati.

Come di consueto, vi terremo aggiornati sullo svolgimento dei prossimi incontri.

Fisac-CGIL Gruppo Banco BPM

Back to top button