Congresso Unimed: seconda giornata

Il secondo giorno riparte con una puntualità istruttiva. Marzio Monzane (Capo Dipartimento UNIGlobal Finance – Brasiliano) ci presenta il programma di lavoro per la settimana di UNIFinance di fine ottobre.
I lavori saranno suddivisi in 4 gruppi in ognuno dei quali definire quali azioni UNIFinance deve attivare per incidere nell’ottica delineata ieri.
A) Organization: come aumentare la sindacalizzazione nei paesi aderenti, nell’idea che l’azione sindacale é alla base di una vera democrazia e come includere altri sindacati definendo strategie di cooperazione;
B) regulation: quali sono le maggiori difficoltà nel rapporto tra la contrattazione nazionale e la regolamentazione internazionale. Come immaginare linee guida comuni, in un sistema con aziende multinazionali; come aumentare la nostra capacità di lobbing.
C) Comunication: come migliorare la comunicazione all’interno di UNI e all’esterno, per rendere efficaci le campagne;
D) CSR: (Responsabilità Sociale d’Impresa) considerare questo punto un assunto per la discussione con le imprese, cioè, come, la CSR può essere un elemento aggregante per aiutare la contrattazione soprattutto nelle aziende multinazionali.

Lavoro del Comitato Mondiale di UNIFinance

Nei lavori in Svizzera sarà data informazione a tutti di ciò che è stato fatto negli anni passati, partendo anche da un questionario che viene proposto e che dovrà essere restituito entro il prossimo incontro. Un focus particolare sarà messo sul settore assicurativo.

Verranno presentati e Messi a confronto due proposte di sistema che provengono da due filosofie economiche differenti: quella del mondo in cui vale il “too big to fail” e quella dei paesi emergenti, con un accento specifico alla responsabilità verso i clienti (e non solo). Saranno presenti rappresentanti di una banca brasiliana e del sistema dell’America Latina, per confrontare come va il sistema finanziario nelle zone dove non c’è la crisi. Come sono i dati qui?

L’idea comune é che il confronto con tante realtà diverse sia utile per il lavoro futuro, avendo sempre chiaro che il Lavoro è la nostra meta in ogni riunione, intervento, campagna.

Come intende lavorare UNIFinance

  • dibattito interno;
  • sintesi;
  • programma di lavoro
  • incontro con parlamentari europei
  • pressione per e su le Direttive Europee

Con un modello di partecipazione aperta ed inclusiva, attraverso gruppi di lavoro mondiali ai quali partecipano tutte le regioni. Viene presentato poi l’impegno per il Social Compact (Nuovo modello sociale continentale) a partire dalla finanza sostenibile.

L’impegno sulla finanza sostenibile si esplica in vari punti:

  • la reputazione del sistema bancario e la crisi di fiducia;
  • Sales & Advice: la vendita di prodotti adeguata al cliente, consapevoli che la MIFID II non é sufficiente ad impedire la ricerca del massimo profitto possibile attraverso la pressione alla vendita.
  • impieghi: la perdita di impieghi é strettamente legata alle decine di migliaia di posti di lavoro persi in tutta Europa, un taglio indiscriminato del lavoro non per una maggiore sostenibilità, ma per aggredire nuove aree di profitto, gravando i lavoratori residui di ulteriore stress, lavoro, spinte commerciali.

La proposta al congresso mondiale è quella di un patto sociale per la finanza sostenibile, partendo dall’Europa. Lanciamo la proposta in primis al parlamento europeo, che si é già espresso
più volte in questa direzione, spingendo per ottenere una risoluzione. Contestualmente all’azione europea, riteniamo necessaria una campagna specifica in un paese del mediterraneo. La Grecia é disponibile, nell’idea che debba essere evidente la solidarietà di tutti gli altri paesi in una campagna nazionale così concepita.
L’azione passa anche da azione di lobbing e coinvolgimento dei parlamentari europei, soprattutto quelli più vicini al mondo del lavoro.

In pausa pranzo, la stesura del documento finale che coinvolge Marzio Monzane, Peppe Garcia Utrilla, Fabio Alfieri, Ierardo Fortunato, Anna Maria Romano e Meral Gunnenc, in un arcobaleno di lingue. Il pomeriggio si discute ed emenda il documento finale e si conclude con la parte organizzativa per i prossimi incontri.

 

Back to top button