CR Ravenna – Valorizzazione Rete Territoriale

In data 20 maggio, a seguito della comunicazione aziendale a tutte le RRSSAA  del 10 maggio si è svolto il primo incontro riguardante il 2° processo di riorganizzazione che l’Azienda intende  attuare nelle Filiali.

L’art. 17 del CCNL,  che apre la procedura di contrattazione tra le parti (durata 15 + 30 gg) può permettere, auspicabilmente,  di addivenire ad un Accordo, tra Azienda e RSA Aziendali, riguardante le ricadute sui lavoratori dei processi di riorganizzazione.        

Per il Sindacato la procedura  ha la finalità  di costruire garanzie per i lavoratori riguardanti le eventuali conseguenze giuridiche, economiche e sociali e le ricadute sulle condizioni  lavorative, prevedendo eventuali misure a garanzia.

Con tale obiettivo, come  FISAC/CGIL, ci siamo presentati all’incontro.

L’Azienda, sulla base di quanto anticipato nella Sua del 10 maggio (in allegato e che vi invitiamo a leggere attentamente!) ci ha prospettato, in linea con quanto deliberato nel nuovo Piano strategico e comunicato nell’incontro annuale del 17/5 (NESSUNA CHIUSURA di Filiali ma RAZIONALIZZAZIONE dei costi delle FILIALI e del PERSONALE!), la ridefinizione /riorganizzazione degli ambiti territoriali di Filiali e Zone ispirato a logiche di maggiore riequilibrio di queste ultime sulla base anche delle masse e volumi amministrati.

L’Azienda ci ha inoltre esplicitato, alla luce dei buoni risultati ottenuti nella fase precedente (abbiamo chiesto maggiori dettagli ma al momento l’azienda li afferma solo su un piano general generico), la decisione di incrementare le Filiali Capofila e Satellite, secondo una logica di maggior efficientamento operativo delle Satellite con riduzione di una serie di attività autorizzative, informative, consultive.   (In allegato tutto lo schema organizzativo).

Nel progetto aziendale inoltre, proseguendo con il processo riorganizzativo/procedurale in atto,  avanzerebbe una diversa organizzazione delle pratiche di fido tra le filiali , le zone e l’ufficio fidi, con una variazione dell’attribuzione dei compiti/controlli fra i diversi livelli.

Tutto quanto allo scopo di liberare risorse sulla rete e favorire una maggiore attività di natura commerciale.

L’Azienda però individuerebbe in questa tipologia organizzativa un’unica responsabilità in capo al Responsabile della Capofila con conseguente eliminazione,  nelle Filiali Satellite, dei Responsabili e Vice Responsabili di Filiali (19 + 19 ruoli professionali) con perdita della indennità di Reggenza.

Chiari i riflessi sulle prossime tabelle degli Inquadramenti del CIA.

Su questa eliminazione di ruoli, che è sicuramente l’elemento più problematico, oltre agli aspetti di “responsabilità” relativi alla salute e sicurezza nelle filiali nonché i compiti residui delle Filiali Satellite e gli aggiuntivi delle Capofila, abbiamo avanzato come FISAC richieste  di garanzie economiche e/o soluzioni alternative non penalizzanti economicamente, che approfondiremo nel prossimo incontro di inizio giugno.

L’Azienda nulla ha chiarito circa eventuali conseguenze sulla mobilità, al momento, ma già sappiamo che per lei questa discussione è tutta aperta nelle trattative in corso sul CIA (prossimi incontri 23 e 24/5).

 

Ravenna 20 maggio 2016                           Coord.to RSA FISAC CGIL CASSA RISPARMIO RAVENNA

FISAC CASSA incontro VALORIZZAZIONE rete territoriale 2 -20052016 DEF

Back to top button