Gruppo Banco BPM: il nuovo numero di “Lavori in Corso”

Mercoledì 26 e giovedì 27 due giornate di lavori.

Ecco quanto discusso al tavolo di trattativa di Gruppo:
Migrazione Informatica.

Un primissimo bilancio a distanza di 3 giorni dal Day M presenta numerosissime criticità, prontamente segnalate dalle OO.SS. Per macro argomenti: formazione insufficiente ed erogata troppo in anticipo, alcune filiali senza Tutor. Enorme emissioni di norme di processo emesse in un lasso di tempo troppo breve per poter essere validamente recepite. Ruoli in alcuni casi non perfettamente sovrapponibili nelle due reti Banco BPM e BPM. Problemi su Assisto, Problemi nella chiusura delle casse automatiche e dei CICO (Cash In Cash Out), gestione delle carte di credito. Problemi di autorizzazioni degli straordinari dei Tutor. Criticità emerse anche verso i clienti, che sui Social Media non hanno fatto mancare numerosi commenti non proprio lusinghieri. Le OO.SS. richiedono di allungare i tempi di permanenza dei Tutor nelle varie filiali e di sistemare la situazione del lavoro straordinario, ma anche di tutelare i colleghi da fatti rivenienti dalla migrazione, compresi anche eventuali reclami da parte della clientela. L’Azienda, premettendo che problemi su una operazione di questa portata sono inevitabili, risponde con qualche dato: il 45% delle strutture coinvolte viaggiano oggi a piena operatività e 23 punti vendita stanno ancora affrontando situazioni di criticità. In evidenza l’interrelazione contabile tra casse, casse automatiche e ATM. Rilevato il problema con Assisto. Potenziate immediatamente le struttura di SGS coinvolte e intervenuti per diminuire i tempi di attesa telefonica. La richiesta di allungamento delle permanenze dei Tutor verranno vagliate caso per caso: l’assistenza deve rimanere presente fino al consolidamento delle conoscenze. Il tempo dovrebbe poi portare alla normalità. Negativa la risposta per una garanzia omnibus: l’Azienda però garantisce la massima attenzione come in ogni momento di grande cambiamento.

Formazione 2017.

Presentato a grandi linee il piano annuale. Tra gli obiettivi primari: supportare il processo di integrazione del nuovo gruppo, sostenere l’integrazione del management, il nuovo modello di servizio, integrazione tra business e gestione del rischio e dei controlli, integrazione generazionale, accrescimento delle competenze professionali. Dal 2018 obbligo di formazione per la consulenza.

Ricorso al giudizio professionale.

Dati di consuntivo. Mondo Banco Popolare: 68 ricorsi (58 in rete, 9 in sede e 1 in SGS), di cui 16 accolti. Mondo BPM: 180 ricorsi (151 in rete, 28 in sede e 1 in Profamily), di cui solo 5 accolti. Evidenziata da parte dell’Azienda la necessità di giungere a un sistema unico di valutazione.

I lavori del tavolo sindacale riprenderanno dopo la pausa estiva e come di consueto vi terremo informati.

Fisac-CGIL Gruppo Banco BPM

– scarica Lavori in Corso n.79