Banco Bpm: la filiera retail e corporate

3 - Fisac Cgil

A distanza di settimane ci sono finalmente gli elementi per fare il punto della situazione sul nuovo modello di rete. Cronistoria: il 18 ottobre l’Azienda con una lettera inviata alle OO.SS. di Gruppo e alle Segreterie Nazionali apre formalmente la procedura Piano strategico 2016-2019 – nuovo modello commerciale: filiere “Retail” e “Corporate” del Gruppo Banco BPM. Vengono fornite esclusivamente le linee guida del progetto: i dati sono totalmente insufficienti per poter affrontare l’argomento. Il giorno seguente le OO.SS. con una lettera respingono l’apertura della procedura. Nelle settimane seguenti i dati arrivano poco a poco e per altre due volte le OO.SS. respingono la procedura. Continua il flusso dei dati e finalmente il 6 novembre la situazione si sblocca: si può iniziare a trattare, ma il tempo stringe. Il modello sarà operativo dal 01/01/2018.

La clientela viene classificata come segue:

Retail

Privati —> patrimonio fino a 100 mila Euro
Personal —> patrimonio da 100 mila a 1 mln di Euro
Business —> POE e Condomini con fatturato fino a 5 mln di Euro Imprese —> fatturato da 5 mln fino a 75 mln di Euro

Corporate

Corporate —> fatturato da 75 mln di Euro fino a 1 mld di Euro Large Corporate —> fatturato oltre 1 mld di Euro

FILIERA RETAIL

La Clientela Retail sarà gestita dalla struttura di rete formata dalle 8 Direzioni territoriali, con competenze su Crediti (riporto funzionale alla funzione Crediti centrale), Gestione Personale (riporto funzionale alla funzione Risorse Umane centrale), Coordinamento Commerciale e Controlli. Ogni Direzione territoriale coordina tra le 4 e le 8 Aree. All’interno di ogni area vengono collocati: Coordinamento Privati, Coordinamento Imprese e Sviluppatori. E’ previsto che le Aree coordinino filiali sia Banco BPM che BPM, con l’esclusione delle aree di Alessandria, Milano e Roma, previste monobrand.

Le filiali vengono suddivise nelle seguenti tipologie:

Hub

Offerta completa, gestione diretta di tutte le tipologie di clientela. Coordinamento di filiali Spoke e (a seconda delle dimensioni) di filiali Indipendenti, con riporto gerarchico a un’Area

Spoke

Operatività ridotta, gestione diretta della sola clientela Privati. Riporto gerarchico ad una filiale Hub

Indipendenti

Gestione diretta della clientela Privati e di quella Personal e/o Business e/o Imprese. Riporto gerarchico a un’Area nel caso di filiale isolata (> 20 km)

Indipendenti Coordinate

Riporto gerarchico a una filiale Hub nel caso di filiale con offerta ad una sola tipologia di clientela “evoluta” (Personal o Business) e vicina a un Hub (< 20 km)

Queste sono invece le figure previste all’interno delle filiali:

Direttore di Filiale

Coordinamento delle risorse, deleghe di pricing e credito, gestione amministrativa e controlli, attività commerciale

Preposto

Coordinamento risorse, attività commerciale

Referente commerciale

Demoltiplica commerciale per le filiali di competenza, delibera di pricing

Referente Controlli

Verifica dell’effettività dei controlli di primo livello per le filiali di competenza

Gestore Privati

Gestione Clientela Privati

Gestore Personal

Gestione Clientela Personal

Gestore Business

Gestione Clientela Business

Gestore Imprese

Gestione Clientela Imprese

Addetto Imprese

Supporto al Gestore Imprese nelle attività di tipo amministrativo

Operatore di Sportello

Gestione delle attività di transazionalità per la Clientela

FILIERA CORPORATE

Premesso che la Clientela Large Corporate verrà seguita centralmente da una struttura dedicata composta da un Responsabile e da 16 Gestori Large Corporate, la Clientela Corporate sarà invece gestita dalla struttura di rete formata da 5 Mercati che coordinano i 18 Centri Corporate situati sul territorio. Questi Centri Corporate prevedono le figure di Responsabile, Gestore Corporate e Addetto Corporate.

— O —

Nella documentazione fornita l’Azienda dichiara testualmente che il modello non prevede demansionamenti o mobilità territoriale. Resi noti anche i dati relativi alla grappolatura delle 2.246 Filiali, ma i numeri comprendono anche le 164 filiali, non ancora rese note, dichiarate in chiusura nel primo semestre del 2018.

Il fitto calendario dei lavori del tavolo sindacale prevede la ripresa dei lavori nelle giornate di Martedì, Mercoledì e Giovedì e come di consueto vi terremo informati.

Photo by NathanC835

Back to top button