Rsa Lombardia: INCONTRO in AREA NORD OVEST

FORMAT DEL GESTORE

All’inizio del mese di gennaio la nostra Area si è resa protagonista dell’ideazione dell’ennesimo report destinato principalmente ai gestori Premium, il cosiddetto “FORMAT DEL GESTORE”, in cui i colleghi sono chiamati ad indicare la programmazione commerciale futura (argomento già trattato nel nostro precedente comunicato). La locale direzione, nell’incontro tenuto il 28 gennaio, afferma tuttavia che lo strumento non è finalizzato alla misurazione della produzione in quanto la sua compilazione è facoltativa e, addirittura, non occorre dare riscontro alla DTR per la parte relativa alla programmazione. Ne prendiamo atto e attendiamo chiarimenti dalla Commissione Politiche Commerciali.

Nel frattempo ci preme ricordare che lo scorso novembre la Direzione di Rete CFO ha informato tutta la struttura che la Piattaforma di Reportistica Accreditata veniva arricchita dal nuovo rilascio del “FORMAT PER PORTAFOGLIO”, al fine di uniformare la reportistica giornaliera e per “facilitare il raggiungimento dell’importante obiettivo di utilizzare strumenti di monitoraggio in linea con i requisiti standard di produzione”.

Ribadiamo la nostra assoluta contrarietà all’uso di modelli “forecast” e al monitoraggio individuale della produzione e richiediamo il rispetto e la puntuale applicazione dell’Accordo sulle Politiche Commerciali sottoscritto in Azienda e in tutto il Settore del Credito.

Chiediamo che i BUDGET siano coerenti  e soprattutto comprensibili, che tengano conto della situazione di mercato e della situazione in cui versano le nostre unità produttive, sempre di meno e con organici decimati. Chiediamo inoltre che vengano ricondotti a comportamenti più rispettosi delle persone i DTR e SEGMENT che ancora si ostinano a sbraitare contro i colleghi delle filiali, a loro avviso poco produttivi, dimostrando così quanto sia ferocemente inconsistente e priva di talento la loro visione del lavoro altrui.

ASSUNZIONI

Contestiamo il fatto che l’Azienda non assegni alcun neo assunto alla nostra Area. Evidentemente la carenza di organico in Lombardia, e in particolar modo quella della piazza di Milano, continua  ad essere sistematicamente ignorata da una Direzione Generale che ha evidentemente scelto di non avere alcun progetto credibile di rilancio del nostro territorio.

In quest’ottica denunciamo che la pratica del cassiere trasferello non è mai cessata; le filiali sono state impoverite per effetto della creazione dei reparti operatività e della cessione di risorse a Widiba; la sofferenza sulle linee Premium e Private, determinata dalla spietata concorrenza del mercato, è particolarmente pesante.

L’unica – si fa per dire – “soluzione” trovata dall’azienda è la variazione di rango delle filiali con il declassamento delle filiali da Paschi Valore a Modulo Commerciale, il che ha comportato la diluizione dei supporti operativi esistenti e il superamento del ruolo di preposti. Inoltre, nei territori Hub & Spoke, i problemi che denunciamo sono accentuati.

FEA

Dal 27 dicembre è attiva una Task Force, dislocata in varie realtà, composta attualmente da 56 risorse in tutta la Lombardia, per la ricerca della contrattualistica della firma elettronica. L’elenco dei contratti da verificare è piuttosto nutrito quindi l’unità di supporto rimarrà in essere sino a fine febbraio prolungando di un mese i tempi inizialmente previsti. Assistiamo ancora una volta all’effetto deleterio delle smodate pressioni che ripetutamente i lavoratori subiscono su varie lavorazioni e prodotti. La produzione a discapito della qualità non porta mai niente di buono, lo abbiamo detto e lo ribadiamo.

 

CORSI IVASS

Il completamento delle ulteriori 10 ore previste per i corsi IVASS è stato portato a termine da quasi tutti i colleghi che hanno fatto miracoli in assenza di pianificazione del tempo protetto a cura delle funzioni gestionali competenti e in assenza di una piattaforma funzionante.

ESTERO

La piattaforma estero presenta ancora carenze e malfunzionamenti ed espone le risorse del perimetro a gravi rischi operativi. Non è sufficiente che la direzione lo sappia! Chiediamo che la direzione competente se ne assuma la piena responsabilità e  garantisca  tutti i colleghi coinvolti.

 

AUDIT COMPORTAMENTALE

Ci è stato sommariamente segnalato che la struttura di Audit sta effettuando alcune interviste telefoniche su un campione di colleghi, le cui finalità – nonostante la nostra richiesta di chiarimenti –  ci rimangono oscure. Chiediamo un approfondimento alla Direzione competente su questa attività che ci risulta inedita per il nostro territorio e della quale vogliamo completa ed esaustiva informativa.

 

Milano, 4 febbraio 2019

Le Segreterie

 

Back to top button