Rsa Piemonte e Valle d’Aosta: Comunicato

1 - Fabi 2 - First Cisl 3 - Fisac Cgil 6 - Uilca Unisin nuovo logo

In data 18 cm si è svolto il previsto incontro tra la Delegazione aziendale composta dai Direttori Fabio Pirozzolo, Flavio Cochis, Fabrizio Rossettini, Ruggero Cascella, e le Organizzazioni Sindacali del: “Primo Tavolo Piemonte e Valle d’Aosta”.
In dettaglio i temi affrontati.
SPIN-OFF: L’ordine del giorno prevedeva un confronto sulle ricadute rinvenienti dalla recente operazione di spin-off che vede coinvolte le filiali di Collegno e Torino agenzia 12. A questo proposito abbiamo rappresentato ai nostri interlocutori le preoccupazioni derivanti dalla sempre minore capacità aziendale di presidiare il territorio, sia in termini quantitativi (rimangono solo più 36 filiali) che qualitativi (difficoltà di tenuta in termini di quote di mercato). L’impoverimento, continuo, della Rete, acuisce ulteriormente le nostre preoccupazioni in tema di mobilità territoriale a carico dei Colleghi, inoltre non possiamo non rilevare un significativo incremento dei costi di gestione; infatti, la riduzione del presidio territoriale, obbliga, sempre più spesso, le funzioni commerciali all’espletamento di missioni a lungo raggio sul nostro territorio.
ORGANICI: In materia di congruità degli organici, le Scriventi, hanno ottenuto di rivedere a stretto giro l’Azienda per una valutazione puntuale della congruità degli stessi. Ci riserviamo di tornare in argomento non appena in grado.
OFFERTE FUORI SEDE: La nuova versione delle normative (D1845 e D1042) che disciplinano il perfezionamento dei contratti fuori sede, sia di natura finanziaria che commerciale, rischia di essere ostativa per il normale svolgimento dell’attività commerciale, esponendo i Colleghi a significativi rischi operativi. In attesa che la Banca rilasci i dovuti chiarimenti, invitiamo il Personale coinvolto ad attenersi strettamente alla normativa segnalando alle Scriventi
eventuali problematiche che dovessero sorgere in forza del “puntuale rispetto” delle norme.
Abbiamo sottoposto all’Azienda la possibilità, utile a ridurre i rischi e contenere i costi operativi legati alle trasferte, di adottare la “firma digitale” dotando gli Operatori dell’apposita tecnologia.
FORMAZIONE: In tema di formazione abbiamo chiesto e raccolto la disponibilità Aziendale, a porre in essere corsi di formazione informatica aventi per oggetto il pacchetto office, l’utilizzo del cloud, e degli altri applicativi utili ad efficientare lo svolgimento delle normali attività anche in un’ottica di contingentamento ulteriore del consumo di carta.
Sempre in tema di formazione abbiamo esortato l’Azienda al rispetto dell’accordo vigente relativo alla pianificazione ed allo svolgimento delle previste n. 30 ore di formazione in regime di tempo protetto e/o di “Smart working”. Ci riserviamo di monitorare la situazione e di far seguito al riguardo.
ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO/ORARIO DI SPORTELLO: In tema di orario di lavoro abbiamo condiviso con l’Azienda la necessità, in caso di “picchi di lavorazione”, che i Responsabili degli Uffici si attivino tempestivamente al fine di regolamentare l’afflusso della Clientela, in modo da garantire a tutti i Colleghi la possibilità di fruire, nel rispetto dei termini di contratto, della pausa pranzo. A questo proposito abbiamo inoltre richiesto che venga conseguita una maggiore fungibilità delle varie figure professionali ed in particolare degli Addetti alla linea valore.
L’Azienda, accogliendo la nostra istanza, si farà carico, intervenendo sui soggetti interessati, affinché quanto sopra esposto trovi concreta applicazione.
TICKET PASTO: Con riferimento all’aumento del valore dei ticket pasto e del passaggio dal buono cartaceo a quello elettronico, abbiamo sollecitato chiarimenti circa l’utilizzo alternativo degli stessi (decurtazione giornate di solidarietà, conferimento a FPC, ricalcolo…).
Abbiamo inoltre invitato l’Azienda ad erogare il necessario supporto informativo relativamente all’attivazione/utilizzo delle card elettroniche.

RIASSETTO CCO: Nel corso dell’incontro ci è stata fornita l’informativa in merito al riassetto della Direzione CCO; a tal riguardo abbiamo ricevuto ampie rassicurazioni circa l’assenza di impatti sulle Risorse coinvolte (n. 7 Colleghi sul nostro territorio). Si tratta, in sostanza, di una mera razionalizzazione della Struttura (riduzione ed accorpamento della filiera).
PROGETTO AIRONE (rifacimento impianti/strutture): Il Dir. Cochis è intervenuto, oltre che in merito alle chiusure delle filiali, anche relativamente al processo di ristrutturazione delle strutture denominato Airone; ci sono stati forniti i dettagli relativi ai lavori in corso di svolgimento dello stabile di via Mazzini e di quelli che verranno avviati nel 2020 su altri immobili. A tal proposito v’invitiamo, come di consueto, ad inviarci le vostre segnalazioni rispetto ad eventuali problematiche che dovessero presentarsi.
PROMOZIONI: Il processo promotivo, recentemente riattivato dall’accordo sindacale di luglio, dal nostro punto di vista, risulta essere non adeguato alle aspettative di crescita professionale ed economica delle fasce più basse di reddito, fasce composte in larga parte dai Colleghi più giovani; abbiamo chiesto, con forza, un allargamento della platea dei beneficiari unito ad una contestuale rimodulazione del sistema, onde garantire una più equa redistribuzione delle risorse stanziate, risorse che, sino ad oggi, sono state ad appannaggio prevalentemente delle figure apicali dell’azienda.
RELAZIONI INDUSTRIALI PERIFERICHE: L’Azienda ha manifestato una certa maggiore propensione al confronto, ne prendiamo atto ricordando a tutti di avere ottenuto questo risultato anche per il tramite di una serie di iniziative poste in essere dalle Scriventi (questionari, assemblee, rinnovata partecipazione delle Lavoratrici e dei Lavoratori…). Preso atto di quanto sopra e sposto abbiamo deciso di riprendere un percorso che, a nostro modo di vedere, dovrà sancire e rimarcare, anche a livello periferico, il fondamentale ruolo negoziale e di rappresentanza esercitato dalle Organizzazioni Sindacali.
Torino, il 23 Ottobre 2019

Back to top button