Mps: Offerta fuori sede – Sviluppo

1 - Fabi 2 - First Cisl 3 - Fisac Cgil 6 - Uilca Unisin nuovo logo

INCONTRO OFFERTA FUORI SEDE – GIORNATA DELLO SVILUPPO

In data 5 novembre, come da nostra richiesta, si è tenuto l’incontro tra le OO.SS. e l’Azienda sui temi dell’offerta fuori sede e della giornata dello sviluppo, materie recentemente interessate dall’aggiornamento dei doc. aziendali 1042 (riordino dell’offerta fuori sede) e 1845 (Trasmissione, Esecuzione e Seguimento del Piano di Marketing Commerciale di periodo) con particolare focus sulla “giornata dello sviluppo”.
Il confronto si è soffermato in particolare sull’offerta fuori sede dei prodotti bancari (T.U.B.). Come OO.SS. abbiamo evidenziato le palesi criticità presenti in primis nel mondo Corporate, tanto in relazione alla definizione dei ruoli abilitati quanto in ragione del limitato perimetro delle abilitazioni previste (ricordiamo che BMPS ha inteso limitare l’OFS alla sola “promozione” e non al “collocamento” di prodotti T.U.B.) che costituiscono un concreto impedimento alla reale attività dei lavoratori.
Infatti, se da un lato la limitazione alla sola promozione per alcuni ruoli, appare sicuramente coerente con una giustificata e comprensibile lettura prudenziale del complesso di norme che regolano la materia, dall’altro si pone un evidente problema di compatibilità con la corrente e ordinaria operatività dei colleghi coinvolti (in particolare ma non esclusivamente Gestori PMI, Large Corporate, Kc, Enti e ACE).
Pertanto, come OO.SS., abbiamo ribadito la priorità della tutela giuridica dei colleghi ai quali rinnoviamo il nostro invito ad operare in stretta osservanza della normativa vigente nell’attesa anche di una rivisitazione in chiave meno restrittiva di questa prima deliberazione aziendale.
Abbiamo poi avuto modo di approfondire con la Direzione Rete l’iniziativa “giornata dello sviluppo”. Su questo tema, la Direzione ha precisato che si tratta dell’avvio di un processo che ha l’obiettivo di strutturare l’attività di sviluppo della clientela nel suo complesso, anche attraverso il pieno utilizzo delle convenzioni e degli accordi commerciali in essere.
Su nostra specifica segnalazione, modificando l’impostazione aziendale iniziale, sono stati apportati dei miglioramenti in relazione ai target di riferimento ora diversificati tra filiali a Modulo Commerciale/Paschi Valore.
Inoltre è stata accordata maggiore flessibilità con 1 giorno a scelta nell’arco della settimana, attività ad hoc per le filiali Cash Light ed il coinvolgimento diretto e operativo di District e Area Manager.
E’ stato confermato dalla Banca che è prevista l’indennità di sostituzione al vice di filiale previa segnalazione codificata dell’assenza del Titolare; sono analogamente confermate tutte le spettanze contrattuali relative alle trasferte.
Non possiamo non rimarcare come la messa in atto di questa iniziativa commerciale, si scontri con le tante criticità gestionali e organizzative del quotidiano (a cominciare dalla diffusa carenza degli organici) che rischiano di pregiudicarne l’effettiva attuazione.
Permangono pertanto le nostre perplessità per come il progetto è stato concepito e organizzato; non certo per l’attività di sviluppo in sé che riteniamo di fondamentale importanza per la crescita della Banca.
Siamo di fronte a un’impostazione rigida, che non considera tutti gli adempimenti giornalieri in capo alla Rete e non è supportata da autentici elementi di novità a sostegno di chi deve svolgere l’attività di sviluppo; a fronte di ciò è evidente il rischio che il tutto possa tradursi in un mero e ulteriore metodo di controllo e di pressione commerciale.
L’Azienda, pur ribadendo le motivazioni che hanno portato ai predetti interventi, ha sostanzialmente convenuto sulla fondatezza delle criticità da noi sollevate e ha fatto delle aperture, in particolare sull’allargamento dei ruoli abilitati (abbiamo richiesto peraltro una verifica su tutte le funzioni della Banca coinvolte dall’offerta fuori sede e non solo della filiera commerciale), prospettando la possibilità di ulteriori modifiche che saranno oggetto di approfondimento nei prossimi giorni, impegnandosi a darci risposte definitive entro il 14/11, data della riunione della “Commissione politiche commerciali Mps”.
Siena, 12 Novembre 2019

LE SEGRETERIE

Back to top button