Gruppo BPM: la storia infinita

1 - Fabi 2 - First Cisl 3 - Fisac Cgil 6 - Uilca Unisin nuovo logo

La storia infinita….

Questo titolo rievoca un film che tutti noi abbiamo visto con piacere ma nella nostra vita lavorativa questo assume contorni più sinistri se abbinato alle carenze organizzative aziendali.

Abbiamo più volte scritto su questo per quanto riguarda la rete purtroppo, la direzione non resta indenne.

I crediti corporate, che ricordiamo essere un segmento più volte citato dalla direzione come strategico per il gruppo, ha inefficienze che mettono in seria difficoltà chi ci lavora ed anche chi attende speranzoso una risposta celere, ma anche in questo caso vogliamo essere ben chiari fin da subito per ‘sgombrare’ il campo da fraintendimenti: I COLLEGHI SONO VITTIME di un’organizzazione che facciamo fatica a comprendere.

Ma andiamo per ordine, i crediti corporate è un ufficio al quale pervengono le pratiche dei gestori corporate che delibera in autonomia parecchie decine di milioni però, e qui c’è il primo elemento che stride, i colleghi che ci lavorano, a dispetto dell’alta professionalità che hanno, sono tutti addetti e sono coordinati da un team leader (figura che non è normata).

Questo ufficio come già detto, oltre a deliberare quanto di competenza, prepara le pratiche di pertinenza degli organi di direzione crediti che devono essere accompagnate da uno studio che comprende andamento gruppo, CR, consolidati, spiegazione proposta etc…per poter poi essere valutate. Ebbene, l’azienda ha cercato di automatizzare questo “studio” rendendolo elettronico ovvero in grado di recepire automaticamente dalle varie procedure gli elementi di corredo affidandosi alla BOSTON CONSULTING peccato che è stato un enorme FLOP tant’è che ad oggi, risulta non applicabile.

Non sappiamo quanto è costato il tutto ma sicuramente non è stato fatto gratuitamente ed il risultato è stato che “LA PEZZA È STATA PEGGIO DEL BUCO”.

Non è finita qui, i colleghi dei vari comparti crediti, devono compilare manualmente una serie di report di seguito un elenco esemplificativo ma non esaustivo per dare un’idea del tempo sottratto inutilmente al lavoro dell’ufficio:

  • Tabella rimanenza gestione giornaliera: pratiche in lavorazione per le quali vengono estrapolati i dati aprendo tutte le pratiche e copiandole poi su Excel definendo la data di arrivo, di assegnazione, la pianificazione della consegna, il nome dell’analista e l’effettiva data di consegna
  • Tabella con numeri di gruppi pervenuti nel mese precedente, nel mese etc,
  • Situazione sospesi: per deliberante suddivise per mese di arrivo
  • Pratiche lavorate per singolo analista: studi etc..
  • Plafond degli analisti e PEF lavorate aggiornate giorno per giorno
  • Pratiche deliberate dal comparto

Tutto questo potrebbe essere estratto a livello centrale invece, così facendo, rendono ancora più carente l’organico della struttura e fanno un inutile pressione sui colleghi rispetto alle tempistiche da mantenere che, si sa, è difficile standardizzare perché dipendono da molteplici fattori.

Non può essere c e il TERZO GRUPPO BANCARIO abbia un’organizzazione che fa acqua da tutte le parti ovunque si guardi e che continui a non confrontarsi in maniera seria con le Organizzazioni sindacali, sbandierando al contempo nelle dichiarazioni non finanziarie, quanto siano ottime le relazioni sindacali e quanto efficiente sia il modello organizzativo!!!

Per piacere FINIAMOLA !!!

Milano, 28 novembre 2019

COORDINAMENTI GRUPPO BANCO BPM
FABI – FIRST/CISL – FISAC/CGIL – UILCA – UNISIN

Photo by schoschie