Banco BPM: emergenza Coronavirus

1 - Fabi 2 - First Cisl 3 - Fisac Cgil 6 - Uilca Unisin nuovo logo

EMERGENZA CORONAVIRUS

In questa situazione di carattere eccezionale e di grande preoccupazione per tutti, ci teniamo a sottolineare che siamo in costante contatto con l’Azienda, anche nello scambio di informazioni e suggerimenti, la quale peraltro prosegue nel raccordarsi con ABI circa il modus operandi per affrontare questa emergenza, garantendo i servizi essenziali come da normativa. Sottolineiamo che la stessa delibera in stretta correlazione rispetto alle ordinanze emanate dai singoli comuni.

La nostra banca è intervenuta immediatamente sul problema tenendoci costantemente informati e sta monitorando la situazione ora per ora fornendoci gli opportuni aggiornamenti.
Nei comuni dove sono state emanate specifiche ordinanze, i colleghi che vi risiedono e quelli che vi lavorano, hanno avuto comunicazione di restare a casa e che saranno coperti con permesso retribuito.

Vista la particolarità del momento, l’azienda si è dichiarata disponibile a venire incontro ai colleghi che hanno necessità famigliari derivanti dalla chiusura delle scuole anche senza gli usuali preavvisi ovviamente saranno valutate anche le esigenze organizzative dell’unità di appartenenza.
È inoltre in fase di valutazione quale tipologia di permessi utilizzare.
Il sindacato presidierà l’argomento.

La banca ha altresì comunicato la sospensione dei corsi di formazione per tutta la settimana, nonché delle trasferte all’estero con contestuale limitazione della mobilità sul territorio (riunioni in audio o video), valutando ulteriori misure di estensione dello smart working.

L’azienda ha attuato una serie di interventi:
• sanificazione della Direzione a Lodi in via Polenghi Lombardo
• mense di Bezzi e Meda: sono state date istruzioni di accedere ai locali con una turnazione e verranno serviti solo cibi cotti e caldi
• sono stati contattati i fornitori della mensa richiamandoli ad un’attenzione particolare nell’applicazione delle misure d’igiene previste dal Ministero della Salute.

Nel contempo i nostri RLS hanno inviato la lettera che vi alleghiamo, dove sono contenute richieste specifiche di interventi a scopo preventivo.

Vi informiamo altresì che le segreterie generali, nell’ottica di prevenzione e tutela della salute e sicurezza delle colleghe e dei colleghi, hanno dichiarato la sospensione delle assemblee dei lavoratori per la votazione dell’ipotesi di rinnovo del CCNL ABI su tutto il territorio nazionale fino al 6 marzo 2020.

Stante la situazione costantemente in evoluzione, vi terremo aggiornati tempestivamente sugli sviluppi della situazione.

Milano, 24 febbraio 2020

COORDINAMENTI GRUPPO BANCO BPM
FABI – FIRST/CISL – FISAC/CGIL – UILCA – UNISIN


lettera degli RLS all’Azienda

Back to top button