Fisac Donne: atti dell’assemblea delle Delegate – Parte 2

ATTI ASSEMBLEA DELLE DELEGATE

A PIENO TITOLO
parte Integrante dello stesso cielo

PARTE II: PARI OPPORTUNITA’ E BENESSERE ORGANIZZATIVO

 

A partire da una ricognizione della presenza femminile nella Fisac CGIL su tutto il territorio nazionale, ci siamo chieste se le donne siano davvero entrate a pieno titolo nella nostra organizzazione e se qui si sentano accolte e a proprio agio.

I dati che abbiamo raccolto, con la collaborazione delle nostre sedi territoriali, mostrano in effetti una presenza diffusa di compagne negli organismi direttivi, conquistata a fatica grazie all’applicazione della norma antidiscriminatoria definita nello Statuto, che prevede che ogni genere debba godere di una rappresentanza pari almeno al 40%.
  – SCARICA LA RELAZIONE
– SCARICA LE SLIDES

Garantito così l’accesso, dobbiamo anche qui chiederci se ci sentiamo di conseguenza riconosciute e se ci riconosciamo come parte integrante dello stesso cielo, cioè parte attiva e decisiva nelle scelte dell’organizzazione.

La ricerca della CGIL Toscana e numerosi studi sociali in ottica di genere sollevano dei dubbi in proposito, evidenziando come le donne vivano le dinamiche interne (spesso opache e sotterranee) delle organizzazioni con una dose di sofferenza, che a volte è così forte da portarle a rinunciare a incarichi e ruoli di responsabilità, oppure a delegare ad altri l’esercizio del potere.

Abbiamo quindi cercato di indagare, insieme alle nostre ospiti, i fattori che influenzano il clima organizzativo e scatenano sintomi di malessere nelle persone, in particolare nelle donne, e i possibili correttivi. Ci siamo infine interrogate per capire se la presenza paritaria delle donne alla guida delle organizzazioni possa promuovere e favorire migliori livelli di benessere.

Tatiana Biagioni, avvocata esperta di diritto antidiscriminatorio, ha evidenziato come le molestie (sessuali e di genere) siano diffuse in modo pervasivo in tutti gli ambienti di lavoro e come in Italia la sensibilità e la capacità di riconoscerle, denunciarle e sanzionarle sia carente rispetto a molti altri paesi e vada formata e indirizzata.
 – ASCOLTA L’INTERVENTO

Eleonora Pinzuti, esperta di formazione e diversity, ha indagato il rapporto delle donne con il potere, svelandoci il nostro doppio legame con il potere – subìto e agìto – e proponendo una nuova semantica del potere, non come dominio, ma come possibilità.
 – ASCOLTA L’INTERVENTO

Susanna Camusso, responsabile politiche di genere CGIL, ha concluso i lavori, lanciando una sfida alla nostra organizzazione, che passa attraverso la formazione. Le donne non possono essere allo stesso tempo vittime e salvatori. Quindi i compagni devono impegnarsi in un lavoro di decostruzione e di presa di distanza dalla violenza contro le donne, altrimenti ne sono complici. Le compagne devono prendere coscienza del proprio valore e rafforzare la propria autostima, non tanto per costruire certezze, quanto per rendersi protagoniste di una nuova cultura del dubbio.
– ASCOLTA L’INTERVENTO

 

Esecutivo Donne Nazionale

Back to top button