Banco BPM: alcune precisazioni per fugare ogni dubbio


Aggiornamenti e Chiarimenti

dalle Giornate di Sospensione Lavorativa all’Indennità di Sostituzione

 

A seguito di alcune richieste e segnalazioni pervenute dai colleghi, di seguito vi riportiamo alcune precisazioni per fugare ogni dubbio.

 

Giornate di Sospensione Lavorativa

A maggior chiarimento di quanto riportato sul comunicato unitario “Sospensione Lavorativa Volontaria” datato 13 marzo 2020 vi specifichiamo quanto segue:

Nel caso di fruizione di 4 giornate di sospensione volontaria + 1 giornata di ferie, banca ore o festività soppressa nella settimana, la settimana sarà validamente considerata come lavorata ai fini pensionistici (ovviamente i contributi saranno versati in proporzione alla retribuzione percepita). C’è invece ancora qualche dubbio rispetto alle 5 giornate di sospensione volontaria nella settimana.

In caso di 4/5 giornate all’interno della stessa settimana, solo quelle saranno pagate al 40%. Diverso invece il caso a  cavallo fra 2 settimane o che includano all’interno una giornata di festività infrasettimanale. Come riportato nella vecchia comunicazione aziendale del 2017:

 

Smart Working, Smart Learning e Buoni Pasto

Ricordiamo a tutti i colleghi che nelle giornate in Smart Working o Smart Learning da casa non si ha diritto al Buono Pasto. Spetta invece per le giornate di Smart Working trascorse in altre filiali/uffici della Banca.

 

Mancato pagamento aumenti retributivi per i “Salari di Ingresso”

Nella busta paga di Marzo u.s., ai colleghi con il cosiddetto “Salario di Ingresso”, assunti da meno di 4 anni, non sono stati riconosciuti gli aumenti previsti dal nuovo CCNL (61,86 € per ogni mese da Gennaio 2020 a Marzo 2020).

Dopo un intervento da parte di ABI e delle segreterie nazionali, verranno recuperati con la Busta paga di Aprile e sempre riconosciuti da li in avanti.

 

Premio presenza al lavoro durante l’emergenza Covid-19

Per quei lavoratori che nonostante l’ emergenza del Coronavirus si sono dovuti comunque recare alle sedi di lavoro ordinarie, non potendo ricorrere alla formula telematica dello Smart Working da casa, il Governo ha previsto nella stesura del Decreto Marzo, cosiddetto “ Cura Italia” , un indennizzo una tantum – appunto per il solo mese di marzo, salvo proroghe nel già annunciato Decreto Aprile.

Si tratta di una detrazione pari a 100 € mensili (da riproporzionare sui giorni di effettiva presenza) per coloro che hanno un reddito imponibile annuo inferiore a 40.000 €.

Al momento non ci risulta sia stato riconosciuto sullo stipendio del mese di Marzo, ma c’è tempo sino al conguaglio di Dicembre.

 

Indennità di Sostituzione Responsabile

Chiudiamo infine con quanto si sta verificando con l’indennità di sostituzione.

L’azienda sta facendo cancellare quelle inserite dai sostituti di turno in filiale, giustificando tale condotta al fatto che il responsabile non è assente, come previsto dagli accordi, ma semplicemente in Smart Working e di conseguenza è comunque chiamato a farsi carico delle responsabilità previste dal ruolo.

Stiamo chiedendo all’azienda un chiarimento in merito. Vi faremo sapere.

 

Milano, 6 aprile 2020

 

COORDINAMENTI GRUPPO BANCO BPM
FABI
– FIRST/CISL – FISAC/CGIL – UILCA – UNISIN

Back to top button