BPER: inclusione, solidarietà, valorizzazione della diversità

Salutiamo con favore la recente pubblicazione in Blink della Direttiva di Gruppo n. 10/ 2021 del 19 marzo 2021 avente ad oggetto la “Policy di Gruppo per la valorizzazione delle Diversità“, che fa seguito alla pubblicazione di un “job posting” per la costituzione di un “Team Diversity”.

Speriamo davvero che con questa iniziativa la Banca abbia convintamente intrapreso un percorso che possa, riprendendo le parole di BPER, “favorire la cultura e i processi interni necessari alla creazione di un ambiente inclusivo in grado di valorizzare il contributo professionale di tutti senza differenze”, così come “promuovere l’inclusione e le pari opportunità in ogni processo di gestione del personale”.

Fa davvero piacere che finalmente il Gruppo BPER riconosca “nel valore della diversità una risorsa chiave per l’innovazione, la produttività e la crescita della nostra azienda e del Paese”.

Noi, come sindacato, da sempre siamo attenti e stimoliamo la Banca anche su questi temi, come dimostrato tra l’altro dalla presenza del settore “Nuovi Diritti” all’interno della CGIL.

Proprio per questo non possiamo che rammaricarci che BPER abbia deciso di iniziare tale importante percorso senza il supporto ed il coinvolgimento del tavolo sindacale.

Non sappiamo se questa iniziativa, più che mai opportuna, sia stata in qualche modo agevolata dalle numerose (troppe!) segnalazioni che continuiamo a riceve sulle (dis)parità di genere, ancora ben presenti nelle banche italiane. Anche se negli ultimi vent’anni sono stati fatti dei progressi, è in ogni caso un bene che BPER abbia mostrato interesse ad allinearsi alle migliori pratiche sul “diversity management”, anche in ossequio ai principi espressi dall’ormai ampio corpus normativo presente da anni sul tema.

Come sindacato vigileremo affinché queste dichiarazioni non rimangano lettera morta a servizio di un malinteso senso del marketing che piega i contenuti del bilancio sociale e di genere a fini pubblicitari.

Auspicando un futuro coinvolgimento, chiederemo in ogni caso dati ed informazioni oggettive e verificabili in modo da poter monitorare i progressi fatti e gli effettivi risultati ottenuti.

Back to top button