Gruppo Bper: documento segreteria di coordinamento

La FISAC CGIL gruppo BPER, il cui Direttivo si è riunito il 27 settembre, considera la disdetta del CCNL da parte di ABI un atto irresponsabile e intollerabile e pertanto chiede a tutti i dirigenti FISAC delle banche del gruppo un impegno assoluto per effettuare il maggior numero possibile di Assemblee per informare e coinvolgere capillarmente i lavoratori sulla necessità della partecipazione allo sciopero del 31 ottobre, in modo da dare una risposta ferma e decisa all’arroganza dei BANCHIERI che scaricano solo sui i lavoratori il peso e la responsabilità del momento critico che le banche stanno attraversando.
La FISAC considera necessario valutare in maniera molto critica la situazione che in questo momento i lavoratori delle banche del gruppo BPER stanno affrontando.
I carichi di lavoro, le direttive confuse che si sovrappongono, le pressioni commerciali che sono forti ed assumono toni eccessivi delineano una situazione inaccettabile.
Il Piano Industriale 2012-2014 descriveva una serie di attività complesse e complicate sia per il loro numero sia per la qualità degli obiettivi.
Non si può pensare che, soprattutto nelle filiali, tutto venga gestito ed attuato scaricando sui dipendenti responsabilità e oneri che hanno ampiamente superato il limite della sopportazione.
Bisogna intervenire supportando, per la durata del Piano, i lavoratori con gruppi di intervento che permettano di supportare al meglio l’impegno che si sta affrontando nei posti di lavoro.
In tutto ciò denunciamo il fatto che le stesse relazioni sindacali sono in una fase di difficoltà nei rapporti con l’azienda e determinano un serio ostacolo nello svolgersi del loro sereno e costruttivo svolgimento.
Per fare ciò riteniamo necessario che l’intervento unitario delle OO.SS. sia rivolto ad effettuare in maniera urgente e decisa con BPER una verifica sullo stato dell’arte degli accordi siglati, sullo stato delle relazioni sindacali e complessivamente su tutte le questioni sul tavolo del confronto sindacale.
Ci adopereremo a convocare un intersindacale di gruppo per affrontare le suddette questioni.
La FISAC nell’ambito della situazione generale ed in quella di gruppo continuerà ad impegnarsi per difendere la dignità ed i diritti dei lavoratori contrastando quello che si sta sempre di più delineando come un attacco violento e determinato della parte datoriale
Roma 30 settembre 2013 Segreteria FISAC gruppo BPER
Scarica documento

Back to top button