BNL: Quota 100 e Flexible Working soprattutto


Nella riunione del 12 marzo le Organizzazioni Sindacali hanno affrontato con la delegazione Aziendale due importanti adeguamenti normativi scaturiti dagli accordi del 22 dicembre 2018 in tema di Flexible Working e di risoluzione anticipata del rapporto di lavoro per i dipendenti che maturano il diritto alla pensione entro il 31 dicembre 2020 (effetto Quota 100 sui vigenti accordi di uscita).

Risoluzione anticipata del rapporto di lavoro

A coloro che hanno già firmato per l’uscita dall’azienda ai sensi dell’Accordo 22 dicembre 2016 (Pensionamenti) e che oggi, usufruendo della modalità della cosiddetta «quota 100», intendesserovolontariamente anticipare l’uscita, verràregolarmente erogato l’incentivo economico giàstabilito, e non verrà considerato eventuale“mancato preavviso”.

Flexible Working

In forza degli accordi del 20 dicembre 2018, i giorni di FW passano da un massimo di 1 ad un massimo di 2 alla settimana. L’azienda, incalzata dai Sindacati, ha chiarito che il ricorso alle giornate di FW è volontario. Quindi, come da regolamento, non esiste un obbligo di fruizione delle giornate di FW data dal fatto che si è aderito volontariamente al “programma Flexible”: in sostanza se si decide di aderire alla campagna di FW non si è automaticamente costretti a fare 2 giorni a settimana di lavoro fuori azienda.

Rimane la necessità di concordare con la struttura aziendale modalità e tempi di fruizione.
Un primo gruppo composto da 450 addetti della Dit,75 addetti dell’Apac di Napoli e 175 colleghi appartenenti ai nuovi uffici ammessi al FW (che inizialmente partiranno con 1 sola giornata – rodaggio) partirà entro metà marzo. La restante platea di colleghi potrà cominciare ad effettuare i due giorni settimanali a partire da giugno.

Nuovo Regolamento Flexible Working

A tale scopo l’azienda ha predisposto un nuovo Regolamento, che sarà progressivamente consegnato ai lavoratori interessati, in cui saranno inserite tre nuove specifiche:

1) cambio di mansioni: il dipendente che usufruisce di FW trasferisce automaticamente detta facoltà nella nuova struttura, sempre che questa utilizzi la modalità Flexible Working;

2) luogo di lavoro: il lavoro in FW potrà essere svolto unicamente fuori dai locali aziendali (e non anche in una diversa sede Bnl come previsto nel precedente Regolamento);

3) verifiche attività: previste verifiche periodichedei risultati dell’attività svolta in FW con le stessemodalità dell’attività svolta in ufficio.

Dal 1° giugno per la Rete verrà introdotta la possibilità di usufruire di un giorno di FW al mese per svolgere proficuamente la propria formazione professionale (obbligatoria e non).

Carta delle Responsabilità

Al termine dell’incontro l’azienda ha annunciato la prossima emanazione di una nuova Carta delle Responsabilità, contenente alcune modifiche organizzative, e il varo di un’iniziativa presa d’intesa con l’Associazione Nazionale delle Persone Sorde, comportante la creazione di un servizio – sociale e commerciale al medesimo tempo – dedicato alle persone con tale disabilità e alle loro famiglie.

Le Delegazioni Sindacali proseguono lo stato di agitazione non ritenendo assolutamente risolti i problemi che hanno dato origine alla mobilitazione.

Segreterie di Coordinamento Nazionale Gruppo BNL