Da Controradio.it – A seguire poi, un’assemblea straordinaria presso l’hotel Michelangelo sempre a Firenze, per lamentare ai manager del gruppo Bnl Bnp Paribas “come il continuo impoverimento degli organici, -si legge in un comunicato – l’aumento delle pressioni commerciali, i costanti disservizi per continue e pesanti riorganizzazioni di personale e di sistemi informativi stanno mettendo a dura prova le condizioni non solo dei lavoratori ma anche dei mal capitati clienti sempre più confusi e disorientati”.

“I livelli di sopportazione di colleghi e clienti sono al limite, le condizioni di lavoro nella rete commerciale della Banca Nazionale del Lavoro sono oltre la soglia di allerta e le pressioni commerciali inaccettabili – si legge nello stesso comunicato che poi continua – Già lo scorso marzo abbiamo tenuto un presidio a Roma presso la Direzione Generale e incontrato l’Amministratore Delegato, ma salvo alcune misure specifiche, non sono state adottate soluzioni strutturali per rendere più vivibili le condizioni di lavoro in filiale e nei contact center della Banca, nel frattempo i nuovi poli direct non decollano – proseguono i Sindacati Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, UGL, Uilca e Unisin di BNL, annunciando “prossime iniziative se non riscontreremo cambiamenti tangibili”.

Gimmy Tranquillo ha intervistato Alfonso Airaghi, coordinatore Gruppo Bnl per la Fisac Cgil: