Inform@fisac febbraio 2018

 

Le OO. SS. della Direzione Territoriale Campania del Gruppo BPER

Spett.li.

Ufficio Relazioni Sindacali BPER

Direzione Territoriale Campania

PRESSIONI COMMERCIALI …
Da alcune settimane le segnalazioni di comportamenti non conformi, da parte di responsabili commerciali, sono aumentate in misura esponenziale.
Questa recrudescenza sta creando forti tensioni all’interno delle Filiali ponendo sotto pressione un consistente numero di colleghi, spintiad adottare pratiche non sempre ortodosse.
Vengono calate su tutti i gestori, indipendentemente dagli impegni quotidiani e dalle assenze programmate, liste di nominativi che devono obbligatoriamente essere contattati in tempi stretti per poi incontrarli.
In tutto questo si inseriscono anche alcuni direttori che forniscono disposizioni su come effettuare il colloquio e quali prodotti proporre, mettendo in discussione la professionalità dei colleghi ed ancora, a diversi livelli, si organizzano riunioni sempre più spesso fuori dell’orario di lavoro con evidenti finalità commerciali spacciandoli per GIF; CIO’ E’ INAUDITO.
Il parterre delle iniziative improprie si arricchisce con le attività di figure commerciali che, abitualmente, telefonano ai colleghi di filiale richiedendo dati della produzione giornaliera in modo perentorio e fissando obiettivi indiscutibili, anziché fornire suggerimenti e supporti commerciali.
Non ci vuole una grossa immaginazione per capire a che tipo di pressione siano sottoposti i Direttori ed il personale della filiale.
Telefonate continue, classifiche, mail con richiesta di dati preventivi e consuntivi, molteplici e disordinate campagne prodotto,report informali da compilare giornalmente, continue riunioni, finiscono per generare effetti negativi sull’attività lavorativa in un crescendo che sembra non avere mai fine, nella perenne e disperata rincorsa di risultanti “sfidanti” (se non irraggiungibili) calati dall’alto e mai condivisi.
Tutto ciò è fonte di inutili perdite di tempo e spesso segnale di pressione, se non di sfiducia, nei confronti dei collaboratori considerato che NELLA MAGGIOR PARTE DEI CASI SI RICHIEDONO DATI COMUNQUE REPERIBILI ALL’INTERNO DEL SISTEMA INFORMATICO.
Tanti sono gli esempi di frasi e dichiarazioni, che rappresentano una vera e propria offesa alla dignità delle persone.
“Il rispetto della persona quale principio imprescindibile” e il principio secondo cui “il mancato raggiungimento degli obiettivi quantitativi commerciali di per sé non determina una valutazione negativa” sono spesso “carta straccia”.
Ribadiamo che la misura è colma ed è necessaria un’immediata inversione di tendenza per riportare serenità nell’ambiente lavorativo e trovare si i risultati.

STRAORDINARIO …….
Dall’avvio del nuovo modello di servizio il prolungamento delle attività lavorative oltre il normale orario di lavoro sta incessantemente continuando ed il fenomeno va assumendo dimensioni sempre più allarmanti.
Non sfugge nessuno da questo sovraccarico di impegno, dai Quadri Direttivi alle Aree Professionali.
Tutte le cause si sommano in un unico incontrovertibile effetto: più lavoro straordinario in gratuità per tutti: non retribuito per le Aree Professionali, non recuperato per i Quadri.
Un fenomeno rispetto al quale il singolo lavoratore non riesce più, da solo, ad opporre resistenza.
Al contrario, constatando che questo nuovo modello di servizio, per come è stato configurato o per le modalità operative con cui viene interpretato/attuato, richiede quotidianamente in molte realtà più di 8 ore di lavoro, tantissimi colleghi si assumono responsabilmente l’onere di renderlo praticabile con il proprio maggior lavoro.
Le Organizzazioni Sindacali non possono Restare Indifferenti a tutto ciò e metteranno in campo tutte le iniziative utili alla tutela dei lavoratori.
Ricordiamo a tutti i colleghi che effettuare lavoro straordinario non autorizzato comporta anche per loro rischi non indifferenti: solo per fare un esempio, la mancata copertura assicurativa in caso di infortunio o di coinvolgimento in un eventuale evento criminoso.
Vogliamo fin d’ora informare BPER, e vogliamo dirlo forte e chiaro a tutti, che eventuali denunce e sanzioni non potranno in alcun modo essere scaricate unicamente sui colleghi.
Per quanto ovvio ogni singola ora di straordinario che noi definiamo strutturale, e non quindi occasionale ed eccezionale, sarà utile dall’azienda al fine di ridimensionare gli organici come il relativo aumento degli organici.
Rispettate l’orario di lavoro e fate emergere la carenza di organico di cui tutti ci lamentiamo.

Pagina precedente 1 2 3 4 5 6 7 8Pagina successiva
Back to top button