Popolare di Bari: la Fisac aziendale si costituisce parte civile

Gruppo bancario Banca Popolare di Bari

PARTI CIVILI

A seguito del riconoscimento da parte della Procura della Repubblica della sussistenza di specifiche fattispecie di reato ad opera dell’ex presidente di BPB e dell’ ex co-direttore generale, la FISAC CGIL del Gruppo BPB ha deciso di costituirsi parte civile nel relativo processo.
La costituzione di parte civile è quell’atto che può compiere il danneggiato dal reato al fine di chiedere il risarcimento del danno subito a seguito del crimine” La mancata veridicità delle informazioni ai soci e l’alterazione fraudolenta della situazione patrimoniale, economica e finanziaria all’interno del bilancio dell’Istituto hanno senz’altro danneggiato gli azionisti, ma anche le lavoratrici e i lavoratori. Questi ultimi, infatti, hanno sopportato per primi il peso economico del dissesto, generato dalla gestione scellerata della BPB.

Nel corso di questi anni si sono visti costretti a subire una contrazione della retribuzione ed attivare procedure di solidarietà per la salvaguardia dell’occupazione, sacrifici in buona fede ritenuti bastevoli ad evitare il dissesto dell’azienda – almeno per la parte relativa ai costi del lavoro -, in ragione di bilanci ad oggi falsi a detta della Pubblica Accusa. Pertanto, in rappresentanza dei lavoratori e delle lavoratrici danneggiati dai reati poc’anzi descritti, si intende prendere parte all’azione giudiziaria al fine di chiedere il risarcimento del danno da loro subito, che comprenderà sia l’aspetto professionale ed economico, sia le ripercussioni sul piano emotivo ed umano che hanno caratterizzato tutta la vicenda.

Quella della FISAC aziendale, è una precisa scelta di campo, un atto chiaro e diretto di difesa e rispetto della dignità dei dipendenti tanto come persone, tanto come lavoratori, L’udienza di costituzione delle parti che si sarebbe dovuta tenere il giorno 16 Luglio è stata sospesa e rinviata al 24 settembre 2020 per motivi di sicurezza e nel rispetto delle misure anti-Covid-19, nell’aula-bunker presso il Tribunale di Bitonto. Sarà nostra premura informarvi riguardo ogni singolo sviluppo.