Bim: Vap ed altro ancora…

By: Marco Santi Amantini – All Rights Reserved

Ispezione Agenzia delle Entrate Dopo aver ricevuto rassicurazioni da parte dell’Azienda in un incontro pre-pasquale sulla regolarità delle autorizzazioni all’ispezione da parte dell’Agenzia delle Entrate, alcuni colleghi, non preventivamente informati del fatto che i funzionari di cui sopra avrebbero estratto copia di documenti dalle loro postazioni, ci hanno comunicato di aver ricevuto una dichiarazione di consenso da firmare. Abbiamo chiesto chiarimenti alla Resp. Funzione Risorse Umane, la quale ha specificato che il documento in questione è stato predisposto e richiesto dall’Agenzia delle Entrate. Invitiamo i colleghi in futuro, in casi analoghi, di prendersi del tempo prima di firmare e, in caso di dubbi, di confrontarsi preventivamente con la Funzione Risorse Umane e/o con le OO.SS. Nella dichiarazione non era in discussione il consenso prestato, quanto il fatto di essere stati informati, cosa che per alcuni colleghi non corrispondeva al vero !

Cda straordinario del 16/04/2013 Avendo appreso solo il 16 aprile che era in corso un cda straordinario, nell’incontro del 17 aprile abbiamo chiesto al dott. Rigotti se aveva qualcosa da comunicarci in merito. Ci è stato detto che, seguendo le indicazioni di Banca d’Italia, la Capogruppo ha provveduto ad accelerare il processo di accentramento di alcune Direzioni/Funzioni di Bim. Trattasi di Direzione Audit (con funzioni Internal Audit e Investment Services Audit), Direzione Legale e Compliance (con le funzioni Compliance e Legale) e il settore Rapporti con le Istituzioni (escluso il settore Segnalazioni di Vigilanza) per un totale di circa 25 colleghi. Ci è stato comunicato che la decorrenza del distacco funzionale non è ancora certa, presumibilmente 1° maggio 2013. Abbiamo chiesto all’Azienda di predisporre la medesima informativa sindacale come per le due precedenti tranches di colleghi distaccati (1° novembre e 12 marzo 2012), raccomandando una maggiore attenzione al rispetto delle tempistiche.

 Mutui Dal momento che la Capogruppo non ha mai accolto la richiesta ripetutamente avanzata in questi anni dalle OO.SS. di uniformizzazione delle condizioni mutui per i dipendenti, raccogliendo anche i suggerimenti di alcuni colleghi, abbiamo sottoposto alla Resp. Funzione Risorse Umane la richiesta di estendibilità temporale del contratto di mutuo (da 20 a 25/30 anni). Confidiamo che almeno su questo non vengano posti veti dall’alto !

Schede di valutazione Constatando, come del resto ormai ogni anno, che i tempi di discussione delle schede di valutazione non sono stati rispettati (vedi circolare 7/2013), abbiamo chiesto spiegazioni alla Resp. Funzione Risorse Umane che ci ha informati che la tempistica è stata prorogata dal 5 al 19 aprile, con ulteriore possibilità di estensione alla fine del mese per le Funzioni con maggior numero di collaboratori.

 Vap Venendo alle note più dolenti, abbiamo affrontato con il dott. Rigotti il tema del Vap. Sapevamo che gli importi sarebbero stati esigui, pur non avendo ancora gli ammontari definitivi. L’argomento di discussione è diventato però particolarmente spigoloso quando il Direttore Risorse Umane ha esordito dicendo che:

– il CIA di Bim è scaduto;

 – il CCNL vigente non contempla erogazione di premio aziendale in caso di risultati negativi e l’utile netto di Gruppo evidenzia un dato fortemente negativo;

 – occorre attendere gli sviluppi delle trattative in Capogruppo sulla determinazione del Vap.

Abbiamo replicato come segue:

da tempo le OO.SS. di Bim e Symphonia sollecitano l’Azienda ad un confronto per il rinnovo del CIA (comunque tuttora vigente), ma ci è sempre stato risposto di attendere indicazione dalla Capogruppo per vedere se procedere con un integrativo di Gruppo;

il paragrafo 6 dell’art 48 del CCNL citato dal dott. Rigotti recita quanto segue: “Le imprese che presentino un risultato delle attività ordinarie negativo – al netto di eventuali modifiche straordinarie nei criteri di valutazione dei crediti e delle partecipazioni queste ultime laddove imputate al risultato ordinario – non daranno luogo all’erogazione del premio aziendale.” Nel bilancio di Bim sono le modifiche straordinarie nei criteri di valutazione dei crediti ad aver influito sulle perdite. Non è in discussione la redditività della Banca, come anche riconosciuto dal Direttore Risorse Umane in un precedente incontro con le OO.SS. e dal Direttore Generale nella conference del 26 marzo scorso; 

in Bim il VAP viene calcolato sulla base di parametri stabiliti da un preciso accordo aziendale firmato il 25 febbraio 2010 che andava a sostituire il punto 13 del nostro CIA (accordo presentato ai lavoratori in apposita Assemblea e approvato a maggioranza). Tra l’altro, negli ultimi anni, proprio sulla base di questi parametri fissi, gli importi Vap pagati in Bim sono stati più bassi rispetto a quelli corrisposti in Veneto Banca. Tuttavia, grazie alla vigenza di questo accordo, anche in assenza di utile, l’applicazione dei parametri dà luogo a erogazione di VAP. 

Sarà nostro preciso impegno di questi giorni difendere il frutto della contrattazione di secondo livello, con l’auspicio che la Capogruppo rifletta sull’argomento, soprattutto considerando che stiamo parlando di importi pro-capite non rilevanti. Come sempre, siamo a disposizione per chiarimenti.

 

Back to top button