Intesa Sanpaolo: arrotonda solidale

News di servizio

dal sito Fisac Intesa Sanpaolo
15 dicembre 2021


Allo scopo di darne la massima diffusione, come d’uso vi riportiamo un estratto relativo alla news aziendale.

Le somme raccolte saranno devolute a progetti di inclusione lavorativa per persone con disabilità.

Con il rinnovo del Contratto Collettivo di Secondo Livello del Gruppo sottoscritto lo scorso 8 dicembre è stata confermata la validità dell’iniziativa “Arrotonda Solidale”, attivata a partire dal 2019 a seguito dell’Accordo del 3 agosto 2018 in tema di “Inclusione”, ne avevamo dato conto qui.

Le somme raccolte su base volontaria dai dipendenti del Gruppo e dall’Azienda sono finalizzate a sostenere concretamente progetti di inclusione lavorativa per persone con disabilità, favorendone interventi indirizzati, in una prima fase, all’occupazione di persone con diagnosi di autismo o sindrome autistica e all’aiuto a studenti con disabilità intellettiva, attraverso la collaborazione con alcune scuole, per accrescerne l’occupabilità.

Il finanziamento avviene attraverso la destinazione dei centesimi di euro derivanti dall’arrotondamento all’euro inferiore dello stipendio mensile netto (così detto “Arrotonda Solidale”). L’azienda contribuisce con i restanti centesimi di euro necessari per raggiungere la soglia di 1€ pro-capite.
In assenza di modifica, la scelta fatta negli anni passati viene confermata.

L’iniziativa coinvolgerà, a partire dal 2022, anche tutti i colleghi di provenienza UBI.
Per i colleghi non interessati ad aderire per l’anno 2022, sarà necessario manifestare espressamente tale volontà entro il 31 dicembre 2021 accedendo all’apposito applicativo presente su #People al percorso: Servizi Amministrativi > Richieste Amministrative > Arrotonda Solidale.

Back to top button