Intesa Sanpaolo: novità busta paga di novembre

dal sito fisacgruppointesasanpaolo.it

Qui di seguito un estratto delle principali novità inserite nella busta paga di novembre. Nel ricordarvi che per tutte le questioni relative alla busta paga potete consultare la nostra Guida alla BUSTA PAGA, vi precisiamo anche che in coda alle varie voci trovate il rimando alla nostre guide specifiche, e comunque i nostri sindacalisti sul territorio (qui trovi tutti i loro riferimenti) sono a tua disposizione per ogni chiarimento.

News del cedolino di novembre 2022 Aree Professionali e Quadri Direttivi con CCNL Credito

Liquidazione delle imposte a credito o a debito risultanti da Modello 730 e Richiesta di annullamento e/o variazione della seconda rata d’acconto IRPEF o cedolare secca
Nel cedolino di novembre continua la liquidazione delle dichiarazioni dei redditi modello 730/2022; vengono erogati o trattenuti gli importi indicati nel prospetto di liquidazione 730/4.
Sono state elaborate le risultanze delle dichiarazioni pervenute tramite l’Agenzia delle Entrate fino al giorno 11 novembre 2022 compreso.
Le operazioni di liquidazione dei modelli 730 proseguiranno anche nel mese di dicembre.

Addizionali regionali e comunali in acconto e a saldo
È stata effettuata l’ultima trattenuta a saldo delle addizionali regionali e comunali 2021 e dell’acconto 2022 della sola addizionale comunale.

Aggiornamento carichi familiari e richiesta detrazioni fiscali 2022
Fino al 5 dicembre compreso sarà possibile gestire i carichi familiari e le richieste di detrazioni ‘imposta relative all’anno in corso tramite il servizio disponibile in People > Servizi Amministrativi > Richieste Amministrative > Gestione carichi familiari e richiesta detrazioni.
Dal 6 dicembre l’accesso verrà inibito per consentire lo svolgimento delle attività di conguaglio di fine anno.
In caso di rettifiche non effettuate entro la suddetta data di fruibilità del servizio, è possibile sanare le eventuali posizioni non corrette in occasione della denuncia annuale dei redditi (Mod. 730 o Unico Persone Fisiche).
Il servizio verrà riaperto il 10 gennaio per gli aggiornamenti riguardanti l’anno fiscale 2023.
Per il supporto operativo e gestionale su Gestione carichi familiari e richiesta detrazioni, sul portale #People è attiva l’Assistenza nella categoria Gestione carichi familiari e richiesta detrazioni.

Provvidenze di studio ai figli dei dipendenti
Nel cedolino di novembre sono in liquidazione con voce 1611 – PROVV. FIGLI STUDENTI, le provvidenze di studio per i figli dei dipendenti ex UBI relativamente alla scuola primaria (elementare) e secondaria di primo e secondo grado (medie inferiori e superiori).
Si ricorda che dal 13 dicembre p.v. potranno essere avanzate le richieste relative all’Università per l’anno accademico 2021/2022.
Per approfondire le questioni relative alle provvidenze studio figli potete consultare al nostra Guida agli assegni di studio

Premio Variabile di Risultato 2021 (PVR)
Con il cedolino di novembre 2022 si è provveduto a gestire le voci relative al Premio Variabile di Risultato (PVR), con la seguente modalità:

  • voce 6VU6: liquidazione delle somme relative alle richieste di rimborso spese presentate in Conto Sociale;
  • voce 2PVP: importo del PVR destinato inizialmente a Conto Sociale e per il quale successivamente è stata richiesta la destinazione a previdenza complementare;
  • voce 2PVL: importo del PVR destinato inizialmente a Conto Sociale e per il quale successivamente è stata richiesta la liquidazione in cedolino;
  • voce 2PVS: storno dell’importo inizialmente destinato al Conto Sociale, e successivamente indirizzato ad una scelta diversa.
  • voce 1WB6: importo utilizzato in Welfare Hub per acquisto buoni spesa (rientranti nei fringe benefits);
  • voce 1WR3: importo utilizzato in Welfare Hub per acquisto servizi e attività ricreative/sportive/culturali;
  • voce 1WY6: importo utilizzato in Welfare Hub per acquisto viaggi in convenzione;
  • voce 1WR4: importo utilizzato in Welfare Hub per acquisto bonus benzina DL 21/2022.

L’assoggettamento fiscale del premio PVR liquidato (voce 2PVL), è visibile nella parte bassa del cedolino, sezione fiscale, casella Imp.10%: imponibile soggetto ad imposta sostitutiva Irpef 10% fino a € 3.000,00 per tutti coloro che hanno percepito nell’anno precedente un reddito di lavoro dipendente, comprensivo dei premi di risultato assoggettati ad imposta sostitutiva, non superiore a 80mila euro (art. 1, c. 160 L. 11 dicembre 2016, n. 232 Legge di bilancio 2017). Per l’anno 2022, il limite di € 3.000,00 lordi è comprensivo dell’eventuale importo residuo non utilizzato del Conto Sociale dello scorso anno che è stato liquidato con il cedolino di 2/2022.
Per questa tipologia di dipendenti, ovvero titolari di reddito di lavoro dipendente di importo non superiore a 80.000 euro nell’anno precedente a quello di percezione delle somme, che hanno scelto la liquidazione del PVR in cedolino, sono stati accreditati i contributi INPS pari a 9,19% calcolati su una quota premio fino a 800 euro, in applicazione alla Circolare Inps nr. 104 del 18-10-2018 in tema di decontribuzione, visibili con la voce 93A1.
Per approfondire le questioni relative alle provvidenze studio figli potete consultare al nostra Guida al PVR

Conto Sociale familiari non autosufficienti
Nel cedolino di novembre sono in liquidazione con voce 16RS – HANDICAP RIMBORSO SPESE, le somme relative alle richieste di rimborso spese sostenute per servizi di assistenza a favore di familiari conviventi portatori di handicap in possesso di certificazione medica di non autosufficienza (c.d. Conto sociale familiari non autosufficienti).

Fondo Sanitario Integrativo del Gruppo Intesa Sanpaolo – LTC VOLONTARIA
Nel corrente mese si è provveduto a trattenere, ai dipendenti che hanno attivato la polizza LTC VOLONTARIA, le relative quote competenti, con le seguenti voci:

  • 4VDF – LTC VOL. DIP. E FAM.: trattenuta per sé e per i familiari
  • 4VCO – LTC VOL. CONVIVENTE: trattenuta per il/la convivente

Per eventuali richieste di chiarimento è possibile aprire una richiesta di assistenza tramite #People > Assistenza > Assistenza HR, selezionando la categoria Fondo Sanitario – Anagrafe
Per approfondire le questioni relative alle provvidenze studio figli potete consultare al nostra Guida Pop alle coperture assicurative

 Esonero contributivo INPS del 50% “rientro lavoratrici madri”
Con il corrente mese si provveduto ad applicare quanto indicato nella circolare INPS 102 del 19-09-2022, che ha previsto il riconoscimento di un esonero contributivo, nella misura del 50%, dei contributi previdenziali a carico delle lavoratrici madri dipendenti del settore privato, a decorrere dalla data del rientro effettivo nel posto di lavoro, dopo la fruizione del congedo obbligatorio di maternità. Detto esonero spetta e anche laddove la lavoratrice abbia fruito dell’astensione facoltativa, senza soluzione di continuità, al termine del periodo di congedo obbligatorio. Il beneficio ha la durata di un anno a decorrere dalla data del sopraccitato effettivo rientro in servizio.
L’agevolazione costituisce una misura valevole per l’anno 2022, pertanto, il rientro della lavoratrice nel posto di lavoro deve in ogni caso avvenire entro il 31 dicembre 2022.
Voci in cedolino di novembre 2022:

  • 7SN0 – Eson.50% L.234/21 c.137 (importo contributi accreditati pari al 50% calcolati sull’imponibile INPS del mese in corso)
  • 7SNR – Arr.Es.50% L.234/21 c.137 (importo contributi accreditati pari al 50% calcolati per il periodo arretrato)

 

Indennità Una Tantum 150 euroL’articolo 18 del D.L. 144/2022 ha previsto il riconoscimento di una somma a titolo di indennità una tantum di importo pari a euro 150,00 ai lavoratori che percepiscono nel mese di novembre 2022 una retribuzione imponibile previdenziale entro il limite di euro 1.538,00. La suddetta norma prevede che l’indennità sia subordinata al rilascio dell’autocertificazione di non essere titolare delle prestazioni di cui dell’art. 19, commi 1 e 16 del citato decreto.
L’Azienda ha provveduto all’individuazione dei dipendenti aventi diritto ed ha inoltrato ai beneficiari di tale Una Tantum, una comunicazione con le istruzioni utili a conferire la dichiarazione prevista.
Nell’attesa di acquisire il suddetto modulo, si è proceduto a riconoscere in cedolino l’indennità Una Tantum di 150€, con voce:

  • 1B15 – Una Tantum 150 DL144/2022 (dipendenti iscritti al fondo INPS)
  • 1B1C – Una Tantum 150 DL144/2022 (dipendenti iscritti alla cassa CPDEL)

In caso di mancata ricezione dell’autocertificazione debitamente compilata, con il primo cedolino utile si procederà al recupero di quanto liquidato a novembre a titolo di ut 150€.

FOCUS: UNA TANTUM 150€

1) L’azienda, individuati i dipendenti aventi diritto, ha erogato d’ufficio l’Una Tantum prevista con il cedolino di 11/2022.
2)L’azienda ha inoltrato agli interessati una comunicazione con le istruzioni utili a conferire, nel più breve tempo possibile, l’autocertificazione prevista.
3)In caso di mancata ricezione dell’autocertificazione debitamente compilata, con il primo cedolino utile si procederà al recupero di quanto liquidato a novembre a titolo di ut 150€.

 

News del cedolino di novembre 2022 Aree Professionali e Quadri Direttivi con CCNL Assicurativo

Liquidazione delle imposte a credito o a debito risultanti da Modello 730 e Richiesta di annullamento e/o variazione della seconda rata d’acconto IRPEF o cedolare secca
Nel cedolino di novembre continua la liquidazione delle dichiarazioni dei redditi modello 730/2022; vengono erogati o trattenuti gli importi indicati nel prospetto di liquidazione 730/4.
Sono state elaborate le risultanze delle dichiarazioni pervenute tramite l’Agenzia delle Entrate fino al giorno 11 novembre 2022 compreso.
Le operazioni di liquidazione dei modelli 730 proseguiranno anche nel mese di dicembre.

Addizionali regionali e comunali in acconto e a saldo
È stata effettuata l’ultima trattenuta a saldo delle addizionali regionali e comunali 2021 e dell’acconto 2022 della sola addizionale comunale.

Aggiornamento carichi familiari e richiesta detrazioni fiscali 2022
Fino al 5 dicembre compreso sarà possibile gestire i carichi familiari e le richieste di detrazioni ‘imposta relative all’anno in corso tramite il servizio disponibile in People > Servizi Amministrativi > Richieste Amministrative > Gestione carichi familiari e richiesta detrazioni.
Dal 6 dicembre l’accesso verrà inibito per consentire lo svolgimento delle attività di conguaglio di fine anno.
In caso di rettifiche non effettuate entro la suddetta data di fruibilità del servizio, è possibile sanare le eventuali posizioni non corrette in occasione della denuncia annuale dei redditi (Mod. 730 o Unico Persone Fisiche).
Il servizio verrà riaperto il 10 gennaio per gli aggiornamenti riguardanti l’anno fiscale 2023.
Per il supporto operativo e gestionale su Gestione carichi familiari e richiesta detrazioni, sul portale #People è attiva l’Assistenza nella categoria Gestione carichi familiari e richiesta detrazioni.

Aggiuntivo Variabile (PAV) e Premio Sociale 2021
Con il cedolino di novembre 2022 si è provveduto a gestire le voci relative al Premio Aggiuntivo Variabile (PAV) e Premio Sociale 2021, con la seguente modalità:

  • voce 6VU6: liquidazione delle somme relative alle richieste di rimborso spese presentate in Conto Sociale;
  • voce 2PVP: importo del PAV destinato inizialmente a Conto Sociale e per il quale successivamente è stata richiesta la destinazione a previdenza complementare;
  • voce 4ZY7: importo del PREMIO SOCIALE destinato inizialmente a conto sociale e per il quale successivamente è stata richiesta la destinazione a previdenza complementare, titolari di reddito di lavoro dipendente di importo superiore a 80.000 euro nell’anno precedente a quello di percezione delle somme;
  • voce 2PVL: importo del PAV destinato inizialmente a Conto Sociale e per il quale successivamente è stata richiesta la liquidazione in cedolino;
  • voce 2PVS: storno dell’importo inizialmente destinato al Conto Sociale, e successivamente indirizzato ad una scelta diversa;
  • voce 1WB6: importo utilizzato in Welfare Hub per acquisto buoni spesa (rientranti nei fringe benefits);
  • voce 1WR3: importo utilizzato in Welfare Hub per acquisto servizi e attività ricreative/sportive/culturali;
  • voce 1WY6: importo utilizzato in Welfare Hub per acquisto viaggi in convenzione;
  • voce 1WR4: importo utilizzato in Welfare Hub per acquisto bonus benzina DL 21/2022.

L’assoggettamento fiscale del premio PAV liquidato (voce 2PVL), è visibile nella parte bassa del cedolino, sezione fiscale, casella Imp.10%: imponibile soggetto ad imposta sostitutiva Irpef 10% fino a € 3.000,00 per tutti coloro che hanno percepito nell’anno precedente un reddito di lavoro dipendente, comprensivo dei premi di risultato assoggettati ad imposta sostitutiva, non superiore a 80mila euro (art. 1, c. 160 L. 11 dicembre 2016, n. 232 Legge di bilancio 2017). Per l’anno 2022, il limite di € 3.000,00 lordi è comprensivo dell’eventuale importo residuo non utilizzato del Conto Sociale dello scorso anno che è stato liquidato con il cedolino di 2/2022.

Esonero contributivo INPS del 50% “rientro lavoratrici madri”
Con il corrente mese si provveduto ad applicare quanto indicato nella circolare INPS 102 del 19-09-2022, che ha previsto il riconoscimento di un esonero contributivo, nella misura del 50%, dei contributi previdenziali a carico delle lavoratrici madri dipendenti del settore privato, a decorrere dalla data del rientro effettivo nel posto di lavoro, dopo la fruizione del congedo obbligatorio di maternità. Detto esonero spetta e anche laddove la lavoratrice abbia fruito dell’astensione facoltativa, senza soluzione di continuità, al termine del periodo di congedo obbligatorio. Il beneficio ha la durata di un anno a decorrere dalla data del sopraccitato effettivo rientro in servizio.
L’agevolazione costituisce una misura valevole per l’anno 2022, pertanto, il rientro della lavoratrice nel posto di lavoro deve in ogni caso avvenire entro il 31 dicembre 2022.
Voci in cedolino di novembre 2022:

  • 7SN0 – Eson.50% L.234/21 c.137 (importo contributi accreditati pari al 50% calcolati sull’imponibile INPS del mese in corso)
  • 7SNR – Arr.Es.50% L.234/21 c.137 (importo contributi accreditati pari al 50% calcolati per il periodo arretrato)

 

Indennità Una Tantum 150 euro
L’articolo 18 del D.L. 144/2022 ha previsto il riconoscimento di una somma a titolo di indennità una tantum di importo pari a euro 150,00 ai lavoratori che percepiscono nel mese di novembre 2022 una retribuzione imponibile previdenziale entro il limite di euro 1.538,00. La suddetta norma prevede che l’indennità sia subordinata al rilascio dell’autocertificazione di non essere titolare delle prestazioni di cui dell’art. 19, commi 1 e 16 del citato decreto.
L’Azienda ha provveduto all’individuazione dei dipendenti aventi diritto ed ha inoltrato ai beneficiari di tale Una Tantum, una comunicazione con le istruzioni utili a conferire la dichiarazione prevista.
Nell’attesa di acquisire il suddetto modulo, si è proceduto a riconoscere in cedolino l’indennità Una Tantum di 150€, con voce:

  • 1B15 – Una Tantum 150 DL144/2022 (dipendenti iscritti al fondo INPS)

In caso di mancata ricezione dell’autocertificazione debitamente compilata, con il primo cedolino utile si procederà al recupero di quanto liquidato a novembre a titolo di ut 150€.

FOCUS: UNA TANTUM 150€

1)L’azienda, individuati i dipendenti aventi diritto, ha erogato d’ufficio l’Una Tantum prevista con il cedolino di 11/2022.
2)L’azienda ha inoltrato agli interessati una comunicazione con le istruzioni utili a conferire, nel più breve tempo possibile, l’autocertificazione prevista.
3)In caso di mancata ricezione dell’autocertificazione debitamente compilata, con il primo cedolino utile si procederà al recupero di quanto liquidato a novembre a titolo di ut 150€.

Back to top button