Livorno: se chiude Bankitalia più esposti al riciclaggio

Il grido d’allarme dei sindacati: «Non ci sarà più il controllo sui ComproOro
— LIVORNO —
«LA FILIALE della Banca d’Italia non deve chiudere». Lo ha detto con forza Stefano Ferrari della Fisac ieri nella seduta congiunta tra la commissione per l’emergenza occupazionale della Provincia e la terza commissione lavoro del Comune. «La chiusura della filiale livornese della Banca d’Italia è un arretramento dello Stato. Stiamo così mobilitando le istituzioni a livello locale e nazionale perché la Banca d’Italia ci ripensi e lasci il suo presidio nella provincia di Livorno, pur con le dovute economie di gestione, perché dobbiamo tenere alta la guardia contro il riciclaggio e la malavita organizzata dalle quali non siamo immuni, e per tenere attivi i controlli sulle banche e il rapporto tra queste e i cittadini». In caso contrario, come ha spiegato ieri su La Nazione in consigliere dell’Udc Salvatore Capuozzo ex dipendente della Banca d’Italia in pensione, resteranno in Toscana «solo due presidi di Bankitalia, uno a Firenze e uno ad Arezzo e a quest’ultimo spetterà la movimentazione dei contanti con tutti i rischi prevedibili». Fabio Buselli sempre della Cgil: «Oggi la Banca d’Italia ha dato in gestione a società di servizi la raccolta delle banconote vecchie e la distribuzione delle nuove e i costi li ha fatti ricadere sulle società di servizi per cui la qualità delle banconote è peggiorata e questo ha facilitato la contraffazione. Le stesse società di servizi trasportano sui furgoni portavalori più contanti del consentito per limitare i costi, ma subiscono più rapine».
IL DISAPPUNTO dei rappresentanti sindacali è una sola voce. Anche Giorgia Facioni della Cgil attacca: «La Banca d’Italia ha competenza di ispezione anche sui compro-oro così come sugli sportelli bancari. Se Banca d’Italia chiude i battenti chi farà tutti i controlli?». Alla commissione congiunta di Comune e Provincia ieri c’era anche il presidente di Palazzo Granducale Giorgio Kutufà. «Livorno è baricentrica per la costa — ha detto Kutufà — per cui è ragionevole chiedere che conservi la filiale di Bankitalia come servizio di area vasta da La Spezia a Grosseto». E ha sottolineato «le ricadute negative sugli occupati diretti (trenta dipendenti della filiale) e sull’indotto».
AMPIO il dibattito su questo argomento. Per Paolo Fenzi (capogruppo del Pd in Comune) «la proposta del presidente Kutufa é condivisibile» ed ha quindi chiesto ai presidenti delle due commissioni Vladimiro Del Corona e Federico Mirabelli (entrambi Pd) la stesura di un documento da far votare nei rispettivi consigli. Un documento che servirà a fare il pressing nei confronti dei centri decisionali della Banca d’Italia affinché questo presidio — fondamentale per il territorio non solo della provincia di Livorno — non venga chiuso. I due presidenti delle commissioni hanno accolto con favore la proposta e il capogruppo del Pd Mirabelli ha garantito anche «il coinvolgimento delle istituzioni ai massimi livelli». L’assessore al bilancio del Comune Valter Nebbiai ha infine incitato tutti «alla difesa del nostro territorio».

Back to top button