Bcc FVG: in salita il rinnovo del Contratto Integrativo Regionale: sarà battaglia !!

By: David Bailey – All Rights Reserved

Il 30 agosto scorso presso la Federazione Regionale BCC si è tenuto un incontro tra le
Scriventi Organizzazioni Sindacali e la Delegazione Sindacale FederBCC del FVG.
Obiettivo dell’incontro è stato la ricerca di elementi utili a predisporre, con la dovuta
attenzione, la piattaforma di rinnovo del contratto Regionale.
Abbiamo dovuto prendere nota però che i Presidenti delle BCC del FVG hanno
deciso di perseguire un percorso assai inedito e quanto mai inusuale che si traduce
in tagli IMMEDIATI sulle retribuzioni e sulle tutele oggi previste dal ns. Contratto
Integrativo (che secondo la controparte va assolutamente azzerato) con ricatti e
minacciando la tenuta occupazionale.
Dopo una drammatica esposizione della situazione, totalmente opposta a quella
illustrata ai soci nelle recenti assemblee, la Delegazione BCC FVG ci ha fatto intendere
che la salvezza del sistema passa solo attraverso il drastico taglio del costo del
lavoro e non su “sane” e coerenti gestioni aziendali e globali politiche di razionalizzazione
dei costi.
Alla nostra “autorevole” controparte sembra che aver operato delle assunzioni di
personale sia un atto eroico da parte delle aziende, non una necessità data dalla cresciuta
mole di lavoro quotidiano.
Alla nostra “autorevole” controparte sembra che le pesanti sforbiciate che abbiamo subito
nell’ultimo rinnovo CCNL, accollandoci “ulteriori partite deteriorate” nel calcolo del Premio
di risultato, non siano stati sufficienti, e ci chiedono ulteriori e più pesanti rinunce.
Evidentemente per la nostra “autorevole” controparte non siamo più una grande
famiglia.
Ora noi siamo gli agnelli sacrificali, quelli che devono pagare il conto, quelli che
devono coprire le inefficienze prodotte, generate da altri.
Ci siamo resi conto che una nostra disponibilità a ricercare spunti positivi per una
piattaforma equilibrata, che portasse ad un rinnovo equilibrato, non è stata né voluta né
capita.
Per i nostri datori di lavoro l’equilibrio si trova con il “segno zero” sul costo dei
dipendenti.
Abbiamo ritenuto quindi di iniziare a brevissimo i lavori di stesura di una piattaforma nel
rispetto di un equilibrio e di responsabilità nei confronti dei colleghi tutti.
Appena pronti inizieremo le assemblee che saranno un momento cruciale per
delineare il nostro futuro.

Back to top button