Fisac Cgil: prima aiuti Banche da Abi passo indietro contratto

Serve ripristinare corrette relazioni industriali

Roma, 14 ott. (TMNews) – “Prima di mettere in campo interventi di sostegno al sistema bancario con la legge di Stabilità, il premier Letta dovrebbe chiedere all’Abi un passo indietro rispetto alla disdetta unilaterale del contratto, un atto di ripristino delle normali relazioni, anche facendo l’accordo sul fondo di sostegno al reddito e all’occupazione”. E’ quanto affermato dal segretario generale della Fisac Cgil, Agostino Megale, oggi nel chiudere l’attivo unitario della categoria dei bancari in Veneto promosso in relazione allo sciopero del 31 ottobre contro la disdetta del contratto nazionale e per il
sostegno al fondo di solidarietà del settore.

Nel corso del suo intervento il leader della categoria del credito della Cgil ha ricordato come “la scelta dell’Abi di rompere le relazioni industriali, disdettando il contratto, non affronta i problemi e le difficoltà del settore che invece richiedono, anche in relazione all’Unione bancaria europea e ai vincoli imposti da Basilea 3, un progetto di sistema per il settore del credito con al centro l’innovazione e la tutela dell’occupazione. Il tutto per evitare, in assenza del fondo di solidarietà, l’utilizzo della 223 con il rischio di conseguenti licenziamenti”.

Ecco perché Megale ha chiesto al governo “l’avvio di un tavolo di settore, così come già richiesto dai segretari generali di Cgil Cisl Uil, ma prima lo stesso presidente del Consiglio deve vincolare eventuali interventi di sostegno alle banche, come la rivalutazione delle quote di Banca d’Italia e agevolazioni fiscali sulle sofferenze, ad un passo indietro dell’Abi. Deve chiedere cioè all’associazione – ha concluso – un atto di ripristino delle normali relazioni industriali, alterate dalla disdetta del contratto dello scorso 16 settembre”.

L. STABILITA’: FISAC, PRIMA DI AIUTI A BANCHE ABI FACCIA PASSO INDIETRO SU CONTRATTO =

Roma, 14 ott. – (Adnkronos) – ”Prima di mettere in campo interventi di sostegno al sistema bancario con la legge di Stabilita’, il premier Letta dovrebbe chiedere all’Abi un passo indietro rispetto
alla disdetta unilaterale del contratto, un atto di ripristino delle normali relazioni, anche facendo l’accordo sul fondo di sostegno al reddito e all’occupazione”. Ad affermarlo e’ il segretario generale della Fisac Cgil, Agostino Megale, oggi nel chiudere l’attivo unitario della categoria dei bancari in Veneto promosso in relazione allo sciopero del 31 ottobre contro la disdetta del contratto nazionale e
per il sostegno al fondo di solidarieta’ del settore.

Nel corso del suo intervento il leader della categoria del credito della Cgil ha ricordato come ”la scelta dell’Abi di rompere le relazioni industriali, disdettando il contratto, non affronta i
problemi e le difficolta’ del settore che invece richiedono, anche in relazione all’Unione bancaria europea e ai vincoli imposti da Basilea 3, un progetto di sistema per il settore del credito con al centro
l’innovazione e la tutela dell’occupazione. Il tutto per evitare, in assenza del fondo di solidarieta’, l’utilizzo della 223 con il rischio di conseguenti licenziamenti”.

Ecco perche’ Megale ha chiesto al governo ”l’avvio di un tavolo di settore, cosi’ come gia’ richiesto dai segretari generali di Cgil Cisl Uil, ma prima lo stesso presidente del Consiglio deve vincolare
eventuali interventi di sostegno alle banche, come la rivalutazione delle quote di Banca d’Italia e agevolazioni fiscali sulle sofferenze, ad un passo indietro dell’Abi. Deve chiedere cioe’ all’associazione –
ha concluso – un atto di ripristino delle normali relazioni industriali, alterate dalla disdetta del contratto dello scorso 16 settembre”.

Back to top button