LICENZIAMENTO: Registrazione di telefonate d’ufficio

Con sentenza n. 26143 del 21 novembre 2013, la Cassazione ha affermato la legittimità di un provvedimento di licenziamento adottato da un’azienda ospedaliera nei confronti di un lavoratore che, violando il principio di riservatezza, aveva registrato le conversazioni di colleghi, senza che gli stessi ne fossero a conoscenza, pur se tale condotta era finalizzata a provare una situazione di mobbing.
Sent. Cassazione Sez. Lavoro n. n. 26143 del 21/11/2013
(fonte: Direzione Povinciale del Lavoro di MODENA)

Back to top button